Il covid non ferma gli studenti: il Festival di Relazioni Internazionali sarà virtuale

"Da mesi lavoriamo al fine di organizzare il più grande Festival di Politica Internazionale interamente organizzato da studenti universitari", spiegano dall'associazione studentesca apartitica Hikma, patrocinata dall’Alma Mater Studiorum

Un Festival di Relazioni Internazionali virtuale. Ad organizzarlo è l’associazione studentesca apartitica Hikma, patrocinata dall’Alma Mater Studiorum, ed avrà luogo dal 24 al 27 settembre. "Da mesi lavoriamo al fine di organizzare il più grande Festival di Politica Internazionale interamente organizzato da studenti universitari - spiegano dall'associazione studentesca -. Dopo aver annullato l’edizione di Maggio dell’Hikma Summit of International Relations (Hsir) al Campus di Forlì a causa dell’emergenza Covid, abbiamo deciso di non demordere e di riorganizzarlo virtualmente per settembre secondo le condizioni che l’emergenza impone".

Spiegano i volontari di Hikma: "Già da tempo il nostro servizio di divulgazione dell’associazione era stato riconvertito online, proponendo giornalmente sui canali mediatici (soprattutto Instagram e Facebook) dirette e contenuti volti ad approfondire le vicende al centro del dibattito internazionale. L'iniziativa ha riscosso grande interesse, ampliando considerevolmente la base di sostenitori: le iscrizioni sul sito hanno raggiunto studenti di tutte le facoltà d’Italia, confermando la presenza di un network forte tra gli atenei che deve solamente essere rafforzato e portato alla luce".

"Organizzare un Summit virtuale ci ha imposto un ripensamento riguardo le modalità di coinvolgimento del pubblico - spiegano gli organizzatori -. Abbiamo deciso di diminuire il numero di conferenze e concentrarci sull'organizzazione di laboratori e workshops, per aumentare l'interattività e l'inclusività dell'iniziativa”. In programma laboratori di debunking (decostruzione di una fake news) e di mediazione diplomatica, conferenze sul ruolo dell’Unione Europea e dell’Italia nello scenario geopolitico del futuro, momenti di incontro tra accademici, esperti e studenti provenienti da tutta Europa: il tutto nel pieno rispetto delle norme di distanziamento sociale che l’attuale situazione sanitaria impone. Ci piace pensare di essere diventati un evento di apertura di questo nuovo anno accademico all’insegna della distanza creando al contrario una rete trasversale tra accademici e studenti, tra esperienza e futuro, tra forlivesi e il resto del mondo".

L’edizione 2020 dell’Hsir, viene evidenziato, "vuole essere un’occasione per cogliere a pieno le opportunità che la rete ci offre, reinterpretando il senso di comunità, anche accademica, in chiave virtuale, dimostrando come dibattito e confronto, alla base dello studio della Politica nelle sue mille sfaccettature, possano fiorire anche in contesti nuovi e inaspettati. Il summit, completamente gratuito, è stato ben recepito dalla comunità studentesca nazionale e vanta un pubblico variegato con partecipanti provenienti da università da tutta la Penisola". Tra gli ospiti annunciati Romano Prodi, Enrico Letta, Parag Khanna (famoso politologo), Atifete Jahjaga (precedente presidentessa del Kosovo) e molti altri; e workshops in collaborazione con enti come Orizzonti Politici, IAI e altri. L’ambizioso progetto dell’Hikma Summit, viene rimarcato, "vuole essere la dimostrazione della capacità degli studenti, spesso troppo sottovalutati, di organizzarsi efficacemente per realizzare un grande obiettivo comune".

Il progetto iniziale: Hikma Summit of Internation Relations

L’associazione lavorava ormai da un anno alla realizzazione di un Festival di politica internazionale organizzato interamente da studenti, per studenti. “La nostra idea nasce dalla necessità di fare emergere e valorizzare lo studio delle Relazioni Internazionali, disciplina essenziale per il benessere di uno Stato, ma spesso relegata agli ambienti accademici e ai professionisti del mestiere, mentre essa potrebbe avere innumerevoli vantaggi in termini di crescita economica, di potenziamento industriale, di sviluppo tecnologico e di progresso della società tutta”, affermano. "Il Summit in presenza fisica si sarebbe inoltre tenuto al termine di un semestre ricco di eventi, come quelli che l’associazione aveva già organizzato in passato: dalle conferenze agli incontri più diretti, chiamati meet the speaker con personalità come Lucio Caracciolo, direttore della celebre rivista di geopolitica Limes, ospite a Forlì per Hikma nel dicembre 2019", aggiungono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Certamente l’ambiente didattico di Forlì è stato una base di lancio proficua: “Avevamo intenzione di combinare il miglior percorso didattico, in materia, sulla Penisola con opportunità di lavoro concreto finalizzate a rendere gli studenti veicolo di eccellenza nazionale”. Per questo il Summit online di settembre presenterà momenti di confronto tra associazioni, enti che parteciperanno ai laboratori come Centro Studi Internazionali CESI di Roma e gli studenti. “Vogliamo mettere in comunicazione le due realtà, anche a distanza” ripetono gli organizzatori. L’idea originale sarebbe stata quella di rendere la città intera un hub di conoscenza e formazione per un intero weekend: i volontari avevano già avviato accordi con strutture come il Tower Campus, la residenza universitaria nel cuore della città, e la Foresteria Universitaria per accogliere gli studenti provenienti da ogni zona d’Italia e d’Europa. Una cena di gala per gli ospiti presenti sarebbe stata organizzata nello storico Circolo della Scranna di Forlì, e infine un momento ricreativo l’ultima sera riservato agli studenti partecipanti e all’associazione. Quest’università ci ha aperto al mondo: noi volevamo portare il mondo nella nostra università” spiegano i volontari. Anche se a distanza, sembra che possano ancora riuscirci".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Giovani e coronavirus, Vicini: "La perdita di gusto e olfatto non va sottovalutata. Serve consapevolezza"

  • Grande Fratello, fisico scolpito per Denis Dosio: sette mesi tra dieta e allenamenti, "Ammetto che è tosta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento