Il PdL: "Il progetto Novecento non escluda Villa Mussolini"

Tra pochi mesi a Forlì, conosciuta nel mondo come “città di Mussolini”, inizieranno una serie d’importanti iniziative culturali incentrate sulle perle storiche di carattere artistico ed architettonico relative al periodo del Fascismo.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Tra pochi mesi a Forlì, conosciuta nel mondo come “città di Mussolini”, inizieranno una serie d’importanti iniziative culturali incentrate sulle perle storiche di carattere artistico ed architettonico relative al periodo del Fascismo.

All’interno del territorio comunale sorge il museo “Villa Mussolini”, un luogo carico di storia del Novecento e ricco d’importanti opere d’arte risalenti al Ventennio fascista, un luogo capace d’attrarre un gran numero di visitatori provenienti da ogni parte del mondo.

L’Amministrazione comunale non ha mai coinvolto nelle proprie iniziative il museo “Villa Mussolini” e non ha mai neppure espresso la volontà di collaborare con la struttura museale per valorizzare al meglio la storia del grande Novecento forlivese.

Richiamiamo quindi l’importanza di una proficua collaborazione tra il Comune di Forlì e il museo “Villa Mussolini”, in particolar modo in questi giorni che precedono l’inizio delle manifestazioni organizzate dalla Fondazione Cassa dei Risparmi assieme al Municipio forlivese. Richiamiamo altresì l’importanza di non escludere a priori quei soggetti culturali che potrebbero dare un notevole contributo positivo alla realizzazione degli eventi in questione.

Attraverso apposita interpellanza chiediamo al Sindaco di Forlì se non ritenga opportuno coinvolgere il museo “Villa Mussolini” per la biennale di eventi culturali previsti all’interno di “Progetto Novecento”.

Alessandro Spada
Stefano Gagliardi
Fabrizio Ragni

 

Torna su
ForlìToday è in caricamento