Il percorso al Classico di Caterina termina con la lode: "Vedere amici e prof in un monitor mi faceva sentire in gabbia"

"Dal punto di vista didattico penso che la situazione sia stata affrontata al meglio perché ci siamo organizzati in modo che tutti potessero tenere il passo", racconta

Caterina Varzi è tra gli studenti del liceo Classico "Morgagni" che hanno conseguito il diploma con la lode. Caterina si descrive come "una ragazza molto intraprendente e tenace che cerca sempre di porsi degli obbiettivi da raggiungere per realizzare i suoi sogni nel cassetto".

Come ci si sente ad essere "matura" con lode?
Se devo essere sincera è una sensazione molto strana, non ho pienamente realizzato la cosa. Uscire con 100 e lode è sempre stato uno di quei sogni che avrei voluto realizzare al termine della mia carriera scolastica ma , vista l'emergenza in cui ci trovavamo, il mio obiettivo era diventato un altro: godermi al meglio l'esperienza della maturità insieme ai miei compagni.

Non ha avuto dubbi sulla scelta dell'indirizzo linguistico?
Di dubbi in realtà ne ho avuti moltissimi fin dall'inizio. Alle medie l'inglese non era la mia materia forte e all'inizio del liceo ero piena di lacune e insicurezze. Nonostante ciò, ho scelto il liceo linguistico perché il saper esprimersi in diverse lingue mi ha sempre affascinato.

Cosa ricorda di questi cinque anni al Classico?
Ciò che mi rimane è senza dubbio un percorso bellissimo e di questo devo ringraziare tutta la mia classe e i professori. Ovviamente, come tutte le cose, ci sono stati alti e bassi ma penso che proprio grazie a questi momenti siamo riusciti ad instaurare un bel legame.

A pochi mesi dalla fine è arrivato il Covid che ha rivoluzionato il modo di fare scuola. Come si è trovata a seguire le lezioni attraverso un monitor?
E' stato un momento molto difficile che mi ha messo duramente alla prova. Essendo una persona molto socievole, il dover vedere i miei compagni e i professori attraverso uno schermo è stato un incubo, mi sentivo in gabbia. Dal punto di vista didattico invece, penso che la situazione sia stata affrontata al meglio perché ci siamo organizzati in modo che tutti potessero tenere il passo.

Progetti per il futuro?
Mi piacerebbe riuscire ad entrare alla facoltà di Mediazione Linguistica ma in generale i miei progetti per il futuro sono tanti a partire dal viaggiare e conoscere nuove culture, il resto poi si vedrà...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento