Il primo giorno di scuola nei comuni del territorio: "Una sfida coraggiosa"

"La scuola è il nostro obiettivo primario, gli ambienti in cui i nostri ragazzi trascorrono gran parte della loro vita sono determinanti per il loro apprendimento e per la loro crescita, la sicurezza degli edifici una priorità imprescindibile", afferma Deo

L'emozione della prima campanella. Si è finalmente tornati a scuola e l'emozione è stata quella di tornare a vedersi tutti insieme dal vivo dopo un lungo periodo caratterizzato dalla didattica a distanza. "Negli ultimi mesi abbiamo lavorato senza sosta, collaborando con dirigenti scolastici, insegnanti e funzionari comunali, per garantire la riapertura delle scuole - esordisce il sindaco di Galeata, Elisa Deo -. Gli investimenti sulle scuole in questi anni, 3 milioni di euro circa, hanno rappresentato la maggiore spesa in assoluto di questa Amministrazione. La scuola è il nostro obiettivo primario, gli ambienti in cui i nostri ragazzi trascorrono gran parte della loro vita sono determinanti per il loro apprendimento e per la loro crescita, la sicurezza degli edifici una priorità imprescindibile".

Prosegue Deo: "La pandemia ci ha imposto nuove sfide. Tra lunghe riflessioni ed innumerevoli ipotesi, volevamo mostrare che le istituzioni sono in grado di garantire la sicurezza degli alunni senza stravolgere le loro abitudini e le loro certezze a dispetto di una situazione che inevitabilmente costringe ad un approccio differente. Ci stiamo riusciti nonostante gli imminenti lavori di messa in sicurezza dell'edificio che ospitava la Media e l'Istituto Superiore "A. Vassallo" e che rimarrà inagibile per l'intero anno scolastico. Parte degli alunni sono stati dislocati nei vari edifici del plesso, mentre i ragazzi dell'Ipsia saranno ospitati in spazi messi a disposizione in Municipio, compresa la Sala del Consiglio".

"Dare risposte concrete e soluzione a problemi che parevano insormontabili, è stata per me una delle vittorie più grandi - sottolinea il primo cittadino - Si ricomincia con l'apprensione di gestire scenari nuovi ed inediti, ma con la speranza di un nuovo inizio nella consapevolezza che la scuola è il primo luogo dove si concretizzano le relazioni che permettono la crescita culturale ed individuale. Noi continueremo a lavorare e fare la nostra parte, affrontando gli eventi e cercando di gestirli al meglio. Assieme a leciti timori, questa sfida coraggiosa che ci attende si dovrà nutrire di condivisione, responsabilità, accortezza e soprattutto rispetto reciproco. Sia questa l'occasione per far crescere la nostra coscienza civica e contribuire a costruire un mondo migliore. L'augurio più bello è quello di vincerla la sfida. La certezza più grande è che succederà solo se lo faremo assieme".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ritorno a scuola a Bertinoro e Castrocaro

Così invece il sindaco di Bertinoro, Gabriele Antonio Fratto: "Sarà un anno di sfide dentro e fuori il mondo della scuola principalmente per tutte le situazioni legate all'emergenza Coronavirus ma non dobbiamo scordarci mai che siamo italiani e siamo bertinoresi e saremo sempre pronti a sostenere e vincere ogni situazione insieme all'istituzione scolastica, rappresentata magistralmente dalla dirigente scolastica Gabriella Garoia che ringrazio per il prezioso lavoro sinergico che abbiamo fatto in questi mesi emergenziali". A Castrocaro il sindaco Marianna Tonellato, insieme al dirigente Davide Alpi, ha portato il saluto al corpo docente, al personale Ata: "Abbiamo salutato tutti, dai più piccoli ai più grandi delle medie. Ho voluto consegnare le mascherine e le visiere che hanno donato al Comune Keyra di Ivan Fabbri  e Cartesio Fullcard, che ringrazio di cuore. Abbiamo aperto con l’intenzione di rimanere aperti. Ci vorranno attenzione da parte di tutti, un po’ di sacrificio, e tanti rispetto verso tutti". A Santa Sofia è stato il campo da calcio Brusati ad ospitare l'inaugurazione dell'anno scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento