menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco indagato per Peculato, inchiesta verso la chiusura

Si avvicina la chiusura dell'inchiesta che vede il sindaco di Forlì, Roberto Balzani, indagato per l'ipotesi di peculato. Il fascicolo è nelle mani dei pm Sergio Sottani e Filippo Santangelo

Si avvicina la chiusura dell'inchiesta che vede il sindaco di Forlì, Roberto Balzani, indagato per l'ipotesi di peculato. Il fascicolo, firmato dalla Procuratore Sergio Sottani ed affidato al pm Filippo Santangelo, si sta arricchendo degli ultimi particolari. Tali, come riportano gli organi di informazioni locali, riguarderebbero le conoscenze di Balzani a "Video Regione", quando l'emittente televisva gli aveva concesso degli spazi.

Balzani è assistito dagli avvocati Massimo Beleffi e Marco Martines. Ad annunciare l’arrivo dell’avviso di garanzia era stato lo stesso primo cittadino, mediante un post sulla sua pagina Facebook.  La vicenda riguarda le trasmissioni tv “Casa Comune” pagata dal Comune all’emittente televisiva forlivese Videoregione, andata in onda dal marzo del 2011. Secondo la Procura (il fasicolo dell'indagine è stato firmato anche dal procuratore capo della Repubblica, Sergio Sottani) ci sarebbe stata una spesa di soldi pubblici per l'acquisto degli spazi televisivi, senza contraddittorio politico.

L'indagine per il presunto peculato in questo caso riguarderebbe un particolare aspetto di questo reato e cioé che il denaro pagato per la realizzazione del programma potrebbe non rispettare la destinazione di scopo prevista per i fondi dei gruppi consiliari comunali. Nell’ambito di questa vicenda alcuni mesi fa è stato anche interrogato un componente dell'Ufficio di gabinetto del sindaco, Massimiliano Cescon. Sono inoltre stati acquisiti i dvd delle trasmissioni. I fondi comunali destinati alle trasmissioni a pagamento del Comune ammonterebbero a 8mila euro.

Balzani su Facebook aveva annunciato che sarebbe stato a disposizione della magistratura per tutti gli approfondimenti del caso. E così è stato. Il sindaco il 28 dicembre scorso ha risposto a tutte le domande poste dal magistrato - hanno spiegato i legali di Balzani - confermando la correttezza del suo operato e spiegando che il programma in questione non ha fatto altro che sostituire altri strumenti cartacei d'informazione, ora dismessi, sull'attività dell'amministrazione comunale di Forlì. E' stato inoltre chiarito che l'emittente che si è aggiudicata la realizzazione della trasmissione (Videoregione) lo ha fatto tramite un bando pubblico volto a individuare la migliore offerta.

In una nota, la Direzione territoriale del PD forlivese "ha manifestato in maniera unanime e ferma la più totale vicinanza al sindaco Roberto Balzani, in merito alla vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto. Per noi nulla può mettere in discussione la correttezza dei comportamenti e l'integrità morale del nostro primo cittadino, al quale non possiamo che rinnovare la nostra più totale fiducia, certi che la giustizia confermerà l'assoluta irrilevanza di quanto gli viene addebitato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento