menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Sistema Farmacia, "problemi e soluzioni per il farmaco e il paziente"

All’Hotel Globus di Forlì si è svolta una serata dedicata ai numerosi punti critici che stanno sconvolgendo il Sistema Farmacia in Italia ed in particolare in Emilia Romagna

All’Hotel Globus di Forlì si è svolta una serata dedicata ai numerosi punti critici che stanno sconvolgendo il Sistema Farmacia in Italia ed in particolare in Emilia Romagna. Presenti, oltre 150 persone, tra farmacisti delle varie associazioni e diverse altre personalità interessate alla comprensione di quanto sta accadendo nel mondo della spesa farmaceutica ed in particolare della distribuzione del farmaco.

Il principale relatore è stato Giampietro Brunello, Amministratore Delegato della Sose, Società per gli Studi di settore costituita nel 2000 dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Banca d’Italia.  Brunello, che è anche presidente del collegio sindacale di Federfarma.co, ha dedicato il proprio intervento ad illustrare un progetto completo e potenzialmente risolutivo rispetto alle numerose problematiche, tra cui, ad esempio, la sempre più diffusa difficoltà a reperire farmaci specifici, che vengono contingentati alla fonte come conseguenza di un sistema ormai distorto e che potrà, di fatto, avere gravi ripercussioni sui cittadini in tempi estremamente brevi.

Proprio Brunello ha illustrato come dovrebbe avvenire la distribuzione dei farmaci affinchè il Sistema Farmacia possa mantenere un equilibrio, virtuoso per tutte le parti in causa e rispettoso delle necessità del paziente. “Il progetto considera elementi che in questi ultimi mesi sono ancora più chiari. Soprattutto nei vantaggi, numerosi ed evidenti, per quel che riguarda la spesa farmaceutica, che ormai in Emilia Romagna è al minimo. E’ necessario ricordare - spiega il Brunello - che il personale di una farmacia non è legato al valore della confezione venduta, ma al numero di pezzi venduti, in quanto il farmacista dà la propria consulenza sul singolo farmaco, indipendentemente dal suo costo. Si tratta del vero valore aggiunto che il farmacista dà ai pazienti”.

"Così è ancora più facile comprendere come “con la distribuzione diretta si crei uno squilibrio significativo, perché, molto semplicemente, l’Ausl compra a costi notevolmente più bassi - chiosa Brunello Al momento si tratta di una situazione che deprime la redditività delle farmacie; concorre al tutto la possibilità di nuove aperture di farmacie (in totale controtendenza con il resto d’Europa) con la conseguente diminuzione di quota di mercato”.

“Basta pensare che in Francia hanno chiuso negli ultimi anni oltre 500 farmacie, ed ora, nei prossimi mesi, dovranno diminuire di un ulteriore 10% - aggiunge Brunello -. In Germania nel 2012 hanno chiuso 480 farmacie. In Olanda, pur con una farmacia ogni 8000 persone, il loro numero è andato riducendosi per la prima volta. In Portogallo, addirittura, 600 farmacie non possono più permettersi di acquistare farmaci, quindi non vengono più rifornite ed a lor volta non possono soddisfare il bisogno del paziente”.

"Per questo, attraverso il nostro progetto - continua il presidente della Sose - proponiamo la creazione di un sistema di remunerazione che dia a tutti gli stessi vantaggi, preservando la distribuzione attraverso il canale farmacia". Il sistema tratteggiato dal presidente della Sose permetterebbe una diminuzione generale dei costi del sistema, intervenendo sulla distribuzione (quindi sulla logistica), perché il flusso sarebbe di dati e non di farmaci. Infine, sarebbero comunque mantenuti anche i medesimi vantaggi per cittadini, Ausl e farmacie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento