menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imu, nuove misure al fianco di cittadini e imprese: la prima rata slitta a settembre senza oneri e sanzioni

L’amministrazione comunale di Forlì ha deciso il differimento dell’imposta municipale unica (Imu) sia per le aziende che per le famiglie

Un nuovo provvedimento straordinario per far fronte agli effetti sull’economia locale dettati dall’emergenza Covid-19. L’amministrazione comunale di Forlì ha deciso il differimento dell’imposta municipale unica (Imu) sia per le aziende che per le famiglie. "Chi, per situazioni di difficoltà, non è in grado di rispettare i termini di scadenza della prima rata dell’Imu, fissati per il prossimo 16 giugno, potrà decidere di posticiparne il versamento al 30 settembre senza incorrere in sanzioni o interessi", spiega l'assessore con delega ai tributi Vittorio Cicognani.

L'assessore entra nel merito del provvedimento in materia di fiscalità locale: "Dopo la sospensione dell’imposta comunale sulla pubblicità, l’azzeramento della Cosap, il rinvio del versamento dell’imposta di soggiorno e la sospensione del canone di locazione per immobili commerciali di proprietà del Comune, abbiamo continuato a ragionare su strumenti e iniziative concrete che potessero alleviare gli effetti della pandemia sui nostri cittadini. È in quest’ottica che, d’intesa con i nostri uffici, abbiamo deciso di non applicare sanzioni e interessi di mora a tutti quei forlivesi che, alla luce delle proprie condizioni di difficoltà, decidono di posticipare a settembre il versamento della prima rata dell’Imu".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento