menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In prima linea contro la mafia: il Round Table 6 Forlì ha incontrato il giornalista Paolo Borrometi

"Ognuno deve sentirsi impegnato - ha affermato Borrometi - nella lotta alla mafia, comportandosi onestamente nel lavoro che svolge. La mentalità mafiosa inizia quando si accettano compromessi al ribasso"

Una delegazione della Round Table 6 Forlì, club service nato in città nel 1966 e che riunisce giovani professionisti fino ai quarant’anni, ha seguito l’incontro organizzato il 16 ottobre dalla Round Table di Faenza con il giovane giornalista siciliano, Paolo Borrometi, che da alcuni anni vive sotto scorta poiché impegnato in prima linea, anche attraverso il suo sito indipendente LaSpia.it, nella denuncia degli intrecci tra mafia e politica e degli affari sporchi che avvengono all’ombra di quelli legali. Oggetto delle inchieste di Borrometi sono soprattutto le attività criminose della mafia sempre sottovalutata della Sicilia sud-orientale, del ragusano e del siracusano.

"Ognuno deve sentirsi impegnato - ha affermato Borrometi - nella lotta alla mafia, comportandosi onestamente nel lavoro che svolge. La mentalità mafiosa inizia quando si accettano compromessi al ribasso". Sotto lo sguardo sempre vigile della sua scorta, ha poi aggiunto: “Questo Paese non ha bisogno di eroi, ma di cittadini che facciano il loro dovere. La legalità non è un concetto astratto legato alla giustizia o alla morale, è un percorso fatto di costante impegno”.

Al termine della conferenza, condotta dal giornalista forlivese Mario Russomanno, la Round Table 6 Forlì, nel complimentarsi con il giornalista per la sua attività, gli ha donato per mano del presidente, Roberto Antonelli, e del segretario, Vincenzo Bongiorno, un gagliardetto con la seguente dedica: “Con sincera gratitudine per il suo impegno quotidiano nella lotta alla mafia”. La delegazione di forlivesi, oltre ad Antonelli e Bongiorno, era composta da Emanuele Ciani, Paolo Di Gianni, Federico Fabbri, Carlo Malferrari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento