Cronaca

In rete il modulo per fare servizio civile alla Caritas diocesana di Forlì-Bertinoro

La Caritas Diocesana di Forlì-Bertinoro è presente con due progetti, entrambi della durata di 12 mesi e un impegno settimanale di circa 25 ore

C’è tempo sino alle ore 14 del 15 febbraio per aderire al nuovo bando del Dipartimento per le Politiche giovanili e del Servizio Civile Internazionale, con ben 46.891 giovani da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all'estero. La Caritas Diocesana di Forlì-Bertinoro è presente con due progetti, entrambi della durata di 12 mesi e un impegno settimanale di circa 25 ore. Il primo, denominato “Finestra sul mondo” ha come sede di servizio il Centro di ascolto “Buon Pastore” della Caritas, in via Fossato Vecchio 20 e mette a disposizione 4 posti. I ragazzi coinvolti aiuteranno gli operatori del Centro nelle attività di accoglienza, orientamento e aiuto.

Nello specifico si tratterà di migliorare la capacità di ascolto delle sedi, relativamente alle persone adulte e famiglie che vi accedono e versano in situazione di disagio e marginalità, potenziando l’attuazione di sostegni mirati e favorendone il reinserimento sociale. Fondamentale sarà “porre in essere tutta una serie di azioni volte a sensibilizzare la comunità locale circa il fenomeno dell’esclusione sociale, per contrastare la povertà, superare la cultura del pregiudizio e favorire la crescita di reti solidali attraverso la collaborazione tra enti pubblici e associazioni private”. L’altro progetto, dal titolo “Condividiamo talenti”, avrà come obiettivo l’aiuto delle attività oratoriali di alcune parrocchie della Diocesi, quali Regina Pacis (1 posto), l’oratorio Pasquino di Civitella (1 posto), la parrocchia Santa Maria del Fiore (1 posto) e Ravaldino/centro Welcome (2 posti).

In questo caso, l’esigenza è “migliorare la capacità di oratori e centri di aggregazione parrocchiale di aiutare bambini, ragazzi ed i loro educatori, con laboratori ed attività specifiche in un contesto socio-culturale sempre più segnato dalla conflittualità e dalla diversità culturale, fornendo una valida proposta di socializzazione e integrazione durante tutto l’anno”. “La Caritas italiana – dichiara il direttore di Forlì-Bertinoro, Filippo Monari - è stata tra le prime realtà ad accogliere obiettori di coscienza negli anni Settanta e questo fa capire quanto siamo sensibili ai valori della difesa non violenta della patria, della promozione della pace e dell’aiuto verso tutti. Per molti ragazzi che hanno operato in Caritas diocesana - continua Monari - il servizio civile è stata un’occasione per sperimentare i propri talenti e per poter essere cittadini attivi e responsabili”.

L’Ufficio Caritas è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 16, e il martedì e giovedì dalle 14.00 alle 16.00. Monari consiglia, a chi fosse interessato, di contattare Andrea Turchi, responsabile del Servizio Civile della Caritas diocesana, telefonando allo 0543/30299, oppure scrivendo a serviziocivile@caritas-forli.it. “Gli aspiranti operatori volontari – si legge su www.serviziocivile.gov.it - devono presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite pc, tablet e smartphone all'indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In rete il modulo per fare servizio civile alla Caritas diocesana di Forlì-Bertinoro

ForlìToday è in caricamento