Cronaca

Inchiesta Re Nero, condanne ridotte in Appello. Assolto Vincenzo Dell'Aquila

A distanza di circa due anni e mezzo dalla sentenza di primo grado a Forlì e a ben 12 anni dall'inchiesta giudiziaria in ambito bancario che correva sull'asse Forlì-San Marino, arriva la sentenza d'appello del Tribunale di Bologna

A distanza di circa due anni e mezzo dalla sentenza di primo grado a Forlì e a ben 12 anni dall'inchiesta giudiziaria in ambito bancario che correva sull'asse Forlì-San Marino, arriva la sentenza d'appello del Tribunale di Bologna. Le condanne sono state rimodulate e nel caso di un volto noto a Forlì, quello di Vincenzo Dell'Aquila, è stata emessa l'assoluzione per un capo di accusa residuo.  L'inchiesta vide diverse ordinanze di custodia cautelare e portava il nome di “Re Nero”, un’inchiesta molto articolata, coordinata dall'allora pm Fabio Di Vizio, riguardante un giro di riciclaggio di denaro che si trasferiva tra Forlì e San Marino, in particolare con il coinvolgimento degli istituti di credito Asset, sul Titano, e la banca forlivese  Banca di Credito e Risparmio di Romagna. Al processo erano parti civili la Banca d'Italia e l'Agenzia delle Entrate.

Mercoledì è stata emessa la sentenza della Corte d'Appello di Bologna, che ha portato a ridurre le condanne inflitte nel primo grado: Stefano Ercolani, all’epoca presidente della Asset, è stato condannato in Appello  a 6 anni e 5 mesi; per Barbara Tabarrini, all’epoca direttore generale dell’Asset la pena è stata fissata a 5 anni. Condanne, poi a 2 anni e 4 mesi per Valerio Abbondanza, 2 anni e 4 mesi per Corrado Albini, 2 anni a Cristian Cicchetti, 1 anno e 6 mesi a Daniele Santarossa e 1 anni e 4 mesi per Alessandro Cervesato. Situazione più netta, appunto per Vincenzo Dell'Aquila che viene assolto perchè il fatto non sussiste.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Re Nero, condanne ridotte in Appello. Assolto Vincenzo Dell'Aquila

ForlìToday è in caricamento