menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Cristiano Frasca

Foto Cristiano Frasca

Famiglia distrutta in A14. Medici ottimisti per le gemelline

Una guarirà in una trentina di giorni; l'altra è in prognosi riservata. Il suo trauma più grave è addominale. Sulle loro condizioni di salute i medici sono cautamente ottimisti

Tragedia sulla A14, lunedì mattina, all'altezza dell'abitato di Pievequinta di Forlì, in direzione Bologna. Il bilancio è di due donne morte, classe '55 e '89, mentre due gemelle di circa un anno, ed un uomo del '49 sono rimasti gravemente feriti. Pare, dalle prime ricostruzioni della Polizia Stradale, che l'auto, una Mercedes Classe A, abbia tamponato violentemente un mezzo per la manutenzione di Autostrade per l'Italia, che sostava in terza corsia, con tanto di lampeggianti di segnalazione, finendo in prima corsia, dove un mezzo pesante l'ha centrata nella fiancata, non riuscendo in alcun modo ad evitare l'impatto.

Una famiglia distrutta. Alla guida la 57enne, della provincia di Terni (Ferentillo), Liliana Palito, morta. A fianco a lei il compagno, 63enne, A.A. le sue iniziali, gravissimo. Dietro la nuora 23enne, Serena Malorgio di Avetrana (TA), madre delle gemelle, anch'essa deceduta, e le bambine, ricoverate al Bufalini di Cesena, in condizioni critiche, ma secondo i medici non in pericolo di vita. Il padre lavora in Lombardia, dove probabilmente si stava dirigendo la famiglia.

Il dramma è avvenuto intorno alle 11. Sul posto sono intervenuti due elicotteri del 118 e 4 ambulanze arrivate da Cesena. Un'elimedica ha trasportato l'uomo, in condizioni gravissime, all'ospedale Maggiore di Bologna, mentre le due bambine, entrambe incoscienti all'arrivo dei soccorsi, sono state portate, con l'altro elicottero, all'ospedale Bufalini di Cesena. 

Sono state sbalzate fuori dalla macchina, dopo l'impatto con il camion, ancora legate ai seggiolini. Hanno subito entrambe politraumi e sono state ricoverate in rianimazione. Una guarirà in una trentina di giorni; l'altra (sbalzata fuori dal finestrino dell'auto),  che era stata anche intubata, è in prognosi riservata. Il suo trauma più grave è addominale. Sulle loro condizioni di salute i medici sono cautamente ottimisti.

Per le due donne, sempre a bordo dell'auto, nulla da fare. La donna alla guida è addirittura rimasta decapitata nell'impatto con il mezzo di manutenzione.  I vigili del fuoco hanno estratto il suo cadavere dalle lamiere dell'auto. Anche l'uomo era rimasto incastrato. il corpo della giovane, invece, è stato trovato senza vita fuori dall'auto.

L'incidente ha causato il temporaneo blocco del traffico in entrambi i sensi di marcia, per permettere l'intervento di due eliambulanze. Alle 12.30 circa la coda era di 6 km verso Bologna e due verso Ancona, tra Forlì e Cesena nord. Con le pattuglie della polizia stradale, 5 sul posto, e i sanitari del 118 sono al lavoro vigili del fuoco, personale della Direzione 3/o Tronco di Bologna e i soccorsi meccanici. Nel primo pomeriggio l'autostrada è stata liberata e la circolazione è ripresa regolarmente.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento