menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

La vittima si stava allenando in sella alla sua bici da corsa e si stava spostando in direzione città

E' stata indagata per omicidio stradale la 43enne al volante della "Fiat Sedici" che martedì pomeriggio ha travolto ed ucciso in via Del Partigiano, a Vecchiazzano, il 64enne Giancarlo Treossi. La vittima si stava allenando in sella alla sua bici da corsa e si stava spostando in direzione città. Il dramma si è consumato poco dopo le 15, nei pressi della rotonda dell'ospedale. La donna, secondo quanto ricostruito dagli agenti della Polizia Stradale di Forlì, distaccamento di Rocca San Casciano, che procedeva in direzione Castrocaro, avrebbe invaso la corsia opposta mentre stava completando un sorpasso.

Treossi non ha potuto fare nulla per evitare l'automobilista. L'impatto è stato violentissimo, con la bici caricata sul parabrezza della vettura e spezzatasi a seguito dell'urto. Il ciclista è stato invece sbalzato nel vicino fossato, morendo sul colpo. Il 64enne, meccanico in pensione di Start Romagna, lascia la moglie. Era tesserato col "Ciclo Club Estense", che l'ha omaggiato "per la sua generosità, impegno e serietà". Viene ricordato dagli amici come una "grande persona, sempre gentile, scherzoso e con il sorriso". In tanti ricordano le "battaglie" a colpi di pedali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento