menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto tratta da Facebook

Foto tratta da Facebook

Dodo e Bea, lo struggente addio su Facebook degli amici

Sono struggenti rassegne di addii, saluti, le bacheche di facebook di Sara valentini e Beatrice Casanova. Da alcune ore sono, come spesso capita in questi casi, lo "sfogatoio" dove convogliare dolore e sgomento dei coetanei e dei tanti amici.

Sono struggenti rassegne di addii, saluti, ma anche dichiarazioni d’amore adolescenziale purtroppo fuori tempo massimo le bacheche di facebook di Sara valentini e Beatrice Casanova. Da alcune ore sono, come spesso capita in questi casi, lo “sfogatoio” dove convogliare dolore e sgomento dei coetanei e dei tanti amici.

Sara era conosciuta a tutti come “Dodo”. Lo ricorda Ester: “Dodo. Un nome (dico cosi perche' ti presentavi cosi a tutti!), mille emozioni. Eri una ragazza fantastica. Ti ricordero' come mi hai lasciata ieri pomeriggio, al parco, con la faccia da furbetta e il tuo bellissimo sorriso. RIP piccolo angelo!”. Non mancano i brividi di chi ci ha parlato poche ore prima dello schianto, come Nicole: “Dodo, l'ultima volta che ti ho parlato è stato stanotte, prima di andartene e stamattina una brutta notizia mi ha svegliata, non ci credo, mi sembra così irreale che te ne sei andata, ora sei un angioletto lassù, riposa in pace”. Gli amici si stringono anche in un “un abbraccio a mamma Debora ..papà Gianni... non ci sono parole .... ciao piccola Sara”, dice Simona.

Stessa cosa sulla bacheca di Beatrice, Bea per gli amici. Dice Caterina: “Ciao Bea, due anni fa sono andata via dalla nostra classe ma ti ho sempre pensata. Ti ho anche vista ieri sera e ci siamo anche salutate, eri bella davvero, come sempre. Ti voglio davvero un bene enorme. Rip, dolcezza”. Così Alessandra: “È da quando mi hanno dato l'orribile notizia che piango, non ci sono parole, non voglio crederci! Abbiamo passato tante estati a giocare nella tua casa al mare e siamo cresciute cosi, ci siamo allontanate... Voglio ricordarti sorridente come quella piccola bambina che 9 anni fa mi ha chiesto di giocare con lei! Ciao Bea”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento