menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auto distrutta nell'impatto

L'auto distrutta nell'impatto

Schianto contro un platano, muore giovane veterinario

Tragedia sulle strade del forlivese nella notte tra mercoledì e giovedì. Un giovane veterinario della MGM, Sirio Pavan, ha perso la vita in uno schianto avvenuto intorno alle 5 in viale dell'Appennino

Tragedia sulle strade del forlivese nella notte tra mercoledì e giovedì. Un giovane veterinario della MGM, Sirio Pavan, ha perso la vita in uno schianto avvenuto intorno alle 5 in viale dell'Appennino, all'altezza del civico 654. La vittima, secondo una prima ricostruzione effettuata dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della stazione di San Martino, ha perso il controllo dell'auto sulla quale viaggiava per effetto dell'asfalto reso viscido dalla pioggia.

Pavan, originario della provincia di Vicenza, si era presentato in ufficio per ritirare dei documenti. Quindi si è rimesso al volante della sua "Opel Astra station wagon", percorrendo viale dell'Appennino con direzione di marcia Predappio-Forlì. Improvvisamente l'auto è diventata incontrollabile, probabilmente per l'alta velocità e per il fondo stradale reso viscido dalla pioggia caduta copiosamente nella notte, e si è schiantata contro un platano alla destra della carreggiata.

Un urto violentissimo nel quale l'arbusto si è spezzato, mentre Pavan è deceduto sul colpo. La potenza dell'impatto ha sventrato la vettura, rendendola irriconoscibile, e scaraventato il motore nella vigna che si trova a ridosso della strada. Quando i sanitari del "118" e i Vigili del Fuoco sono intervenuti sul posto, per il giovane non c'era già più nulla da fare. I pompieri, dopo aver estratto dalle lamiere il cadavere con speciali cesoie, hanno provveduto alla messa in sicurezza della pianta, tagliando la fronda.

Sulle ipotesi al vaglio dei carabinieri intervenuti le più probabili, data l'assenza di tracce di frenata, appaiono anche quelle di un fatale colpo di sonno o di un malore improvviso. Il conducente era privo di documenti e questo ha rallentato il suo riconoscimento, effettuato grazie al ritrovamento di un timbro dell'ordine dei medici veterinari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento