Pericolosa sbandata sulla Lughese, colpa dell'alcol

Una coppia di giovani è rimasta ferita in un incidente stradale avvenuto venerdì sera, poco prima delle 21, a Villafranca, lungo la via Lughese. I due stavano percorrendo l'arteria al volante di una "Lancia Y"

Una coppia di giovani è rimasta ferita in un incidente stradale avvenuto venerdì sera, poco prima delle 21, a Villafranca, lungo la via Lughese. I due stavano percorrendo l'arteria al volante di una "Lancia Y", quando, per cause ancora in fase d'accertamento alla Polizia Municipale di Corso della Repubblica, la conducente, 41 anni, ha perso il controllo dell'auto, finendo fuori strada in modo perpendicolare alla carreggiata, con il muso piantato nel fossato.

La peggio l'ha riportata il ragazzo, 31 anni, trasportato con il codice di massima gravità all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Vecchiazzano, mentre la ragazza ha riportato lesioni meno preoccupanti. Entrambi non sono in pericolo di vita. Sul posto gli operatori di "Romagna Soccorso" sono intervenuti con due ambulanze e l'auto col medico a bordo. La vettura stava percorrendo la Lughese in direzione Forlì. Poco prima dello schianto, un automobilista che la seguiva aveva chiamato al 112.

Era infatti preoccupato per l'andamento a zig-zag della "Lancia Y". Non appena le forze dell'ordine hanno segnalato il fatto alla Polizia Municipale, l'auto è uscita di strada. Entrambi i conducenti sono usciti con le proprie gambe. La donna, sottoposta al test dell'etilometro, è risultata positiva.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

Torna su
ForlìToday è in caricamento