Morta in bici trascinata nella rampa della tangenziale: era un volto noto del centro storico

La bicicletta da corsa era la sua grande passione e proprio su questa ha trovato la morte in un terribile incidente stradale avvenuto nella tarda mattinata di sabato al Ronco

Era un volto noto del centro storico, orefice da "Ororè" di corso Diaz, a pochi passi da piazza Saffi. La bicicletta da corsa era la sua grande passione e la praticava con il gruppo sportivo di 'Baldoni bike'. E proprio su questa ha trovato la morte in un terribile incidente stradale avvenuto nella tarda mattinata di sabato al Ronco. Cristina Malandri, 44 anni, ha perso la vita in un incidente stradale verificatosi intorno alle 12.15 in viale Roma, all'altezza della rotonda dell'ingresso con la Tangenziale Est. Anche suo marito Stefano Colombo è un volto noto in città, in particolare nel mondo del basket locale.

La dinamica dei fatti è al vaglio agli agenti del reparto infortunistica della Polizia Municipale dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese, che hanno proceduto ai rilievi di legge. L'esatta ricostruzione è stata oggetto di approfondite analisi, dal momento che la donna è stata colpita da due veicoli (in che sequenza è ancora da vedere): una "Volkswagen Golf" e un camion. Entrambi i mezzi stavano imboccando la Tangenziale in direzione dell'autostrada, mentre la ciclista percorreva la pista ciclopedonale dal Ronco verso Forlì, dotata in quel punto di barriere per il rallentamento. La ciclista è stata trascinata per diversi metri nella rampa di accesso alla tangenziale e parte dei pezzi della bicicletta sono giunti fino in fondo alla rampa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito è stato chiesto l'intervento dei sanitari del 118, che hanno operato con un'ambulanza e l'auto col medico a bordo, ma per la donna non c'è stato nulla da fare, in quanto morta sul colpo. L'ingresso alla superstrada è stato temporaneamente interdetto al traffico per consentire i rilievi di legge. Una tragedia che ricorda quella di Matteo De Nittis, il forlivese di 62 anni morto all'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena il 31 maggio del 2016 dopo esser stato investito alcuni giorni prima da un'auto all'imbocco della Tangenziale. L'incidente accadde nella corsia opposta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Invasione di vespe e calabroni: i Vigili del fuoco tempestati dalle richieste di intervento

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • La consegna del pane si conclude nella scarpata, fornaio ferito all'alba nello schianto

  • Rogo nella cucina di un appartamento del terzo piano, evacuata una donna

  • Coronavirus, un nuovo caso nelle ultime 24 ore. La Regione: "Attenzione ai viaggi anche in Europa"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento