Incidenti stradali

Investì e uccise Alina sotto l'effetto di alcol e cocaina: al via il processo per omicidio stradale

Prima udienza in tribunale a Forlì per la tragica morte di Alina Marchetta, la giovane di 26 anni la cui vita è stata spezzata da un'auto impazzita che ha invaso il marciapiede sul quale passeggiava

Prima udienza in tribunale a Forlì per la tragica morte di Alina Marchetta, la giovane di 26 anni la cui vita è stata spezzata da un'auto impazzita che ha invaso il marciapiede sul quale passeggiava. A circa 11 mesi dall'incidente è partito il processo a carico di Martina Mercuriali, 27 anni di Castrocaro, la giovane che venne arrestata con l'accusa di omicidio stradale per questo episodio. Una prima udienza tecnica per prendere atto delle parti in causa. Tutti i familiari di Alina si sono costituiti parte civile: il padre, la madre, le due sorelle e il fidanzato. Tutti erano presenti nella sala d'udienza, davanti al giudice De Paoli. La madre è giunta dall'Olanda, dove risiede, per essere partecipe in prima persona dell'avvio dell'iter giudiziario. Ha chiesto la costituzione di parte civile anche l'associazione Asaps. Gli avvocati di Mercuriali, invece, hanno chiesto la citazione del responsabile civile, vale a dire l'assicurazione dell'auto investitrice. Il processo è stato quindi aggiornato tra un mese.

 Alina Marchetta venne investita e uccisa il 7 aprile scorso, una domenica mattina, in viale Salinatore mentre si trovava sul marciapiede ciclo-pedonale. Secondo quanto venne appurato dagli inquirenti, la castrocarese si mise alla guida con un tasso superiore a 1,50 di alcolemia e dopo l'assunzione di sostanze stupefacenti (cocaina), alle 9 e mezza di mattina. Percorrendo con la sua Nissan Micra viale Salinatore sbandò a destra, all'altezza del ristorante di sushi, salendo sul cordolo che divide la strada dal marciapiede ciclo pedonale e travolgendo Alina, sua coetanea, responsabile di un negozio all'interno della galleria del centro commerciale 'Puntadiferro', uccidendola sul colpo.  L'imputata è difesa dagli avvocati Marco Catalano e Marco Martines, mentre la famiglia della deceduta è rappresentata dagli avvocati Moscatt di Rimini e Carlotta Fabbri di Forlì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investì e uccise Alina sotto l'effetto di alcol e cocaina: al via il processo per omicidio stradale

ForlìToday è in caricamento