Inferno di lamiere in A14, il papà di Luca lotta in Rianimazione. Dolore a Pontecurone

Luca Bassi, 13 anni, non c'è più. Morto sul colpo in un soleggiato lunedì mattina di inizio settembre lungo il tratto forlivese dell'autostrada A14 Bologna-Taranto

Un inferno di lamiere, innescato da un tamponamento. In pochi istanti una famiglia spezzata. Luca Bassi, 13 anni, non c'è più. Morto sul colpo in un soleggiato lunedì mattina di inizio settembre lungo il tratto forlivese dell'autostrada A14 Bologna-Taranto, particolarmente trafficato in quel momento anche per il rientro dalle vacanze. Luca si trovava seduto sul sedile posteriore di una "Volkswagen T-Roc", condotta dal padre 49enne, direzione Pontecurone, in provincia di Alessandria. Il dramma si è materializzato al chilometro 83 nord.

VIDEO - L'intervento dei soccorsi tra le lamiere

Un camion con rimorchio, condotto da un 52enne della provincia di Mantova, è piombato la "T-Roc", accartocciandola come una lattina. Luca è morto praticamente all'istante, mentre il padre 49enne è rimasto ferito in modo grave. In quel mortale battito di ciglia i resti della "Volkswagen" sono finiti contro una "Honda Jazz", che a sua volta è stata spinta contro una "Fiat 500 L". Bilancio totale: sette feriti, tra cui anche due ultrasettantenni con la figlia e due nipoti di 12 e 16 anni. Tanto spavento, ma se la caveranno.

Il 49enne è stato trasportato col codice di massima gravità all'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena. E' ricoverato nel reparto di Rianimazione, in prognosi riservata. La sottosezione della Polizia Stradale di Forlì continua nelle indagini per chiarire la dinamica del tamponamento a catena. L'autotrasportatore, negativo sia a stupefacenti che alcolici, è stato indagato per omicidio stradale.

Pontecurone nel frattempo è in lutto. Luca giocava a calcio nell'Audax Orione. La società sportiva ha mandato un messaggio alla famiglia: "Vi siamo vicini in questo doloroso momento, sperando che possa dare un minimo di sollievo a questo tremendo dolore. È difficile trovare parole che possano essere di conforto. Luca non è più tra noi, ma siamo noi a non vederlo. In realtà lui ci vede e non vorrebbe vederci piangere. Tutta la nostra famiglia Audax, i compagni ed i mister con cui ha condiviso parte della sua vita lo ricorderanno per sempre e lo porteranno sempre nei loro cuori. Vi chiediamo di unirvi in preghiera per Luca e per i suoi familiari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora è ufficiale: da domenica Emilia Romagna in zona gialla. Bar e ristoranti riaprono fino alle 18. Poi solo asporto o consegne a domicilio

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Un alleato contro il Coronavirus? Vitamina D, cos'è e come assumerne di più

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

Torna su
ForlìToday è in caricamento