rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Il lutto / Meldola

Vite spezzate mentre andavano al concerto, il cordoglio di Vasco Rossi. L'Irst: "Silvia era un punto di riferimento"

Arrivano da Vasco Rossi le parole di cordoglio per Silvia Ruscelli, 47 anni, oncologa dell'Irst di Meldola, e Ugo Beltrammi, 49 anni, dipendente del Comune di Mercato Saraceno

Lo sguardo rivolto verso il cielo. Una foto, un post di condoglianze. Arrivano da Vasco Rossi le parole di cordoglio per Silvia Ruscelli, 47 anni, oncologa dell'Irst di Meldola, e Ugo Beltrammi, 49 anni, dipendente del Comune di Mercato Saraceno, rimasti uccisi venerdì in un tragico incidente stradale mentre si stavano al concerto del rocker di Zocca a Trento sud. "Ho saputo che per due miei fan quella che doveva essere una festa, si è trasformata invece in una tragedia fatale. Alla famiglia Silvia e Ugo faccio le mie più sincere condoglianze". Il messaggio è stato pubblicato sulla pagina Facebook "Vasco e....Basta". 

Silvia e Ugo lasciano tre figlie. Silvia, dipendente dell'Irst dal 2008, era afferente all'equipe di patologia gastroenterica. L'Irst la ricorda sul suo sito internet come una "giovane e stimatissima oncologa", "ed era un imprescindibile riferimento per la nostra sede onco-ematologica dell'Ospedale Bufalini di Cesena. "Silvia era una ragazza allegra e sempre disponibile con tutti. Innamorata della vita, della sua famiglia, dei suoi adoratissimi tre figli, era attaccatissima al suo lavoro - sono le parole di Luca Frassineti, direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia clinico sperimentale -. Apprezzata per la sua competenza e la lunga esperienza nella patologia oncologica gastroenterica, era da anni punto di riferimento per la nostra oncologia di Cesena".

"Molto empatica con i pazienti, si dedicava con entusiasmo e passione alla cura dei malati, condividendone gioie e sofferenze lungo tutto il periodo di presa in carico - prosegue Frassineti -. Come suo responsabile ho sempre riposto piena fiducia in lei anche per come sapeva gestire le attività del gruppo nell'ambito ospedaliero di Cesena; come suo collega l'ho sempre apprezzata per la sua capacità di conciliare, seppur con fatica - lei che abitava a Sarsina - il lavoro con il suo ruolo di amatissima moglie e madre. Personalmente la conoscevo da lungo tempo, abbiamo lavorato assieme per quasi vent'anni. Tutti noi non dimenticheremo il suo sorriso e ciò che ha rappresentato per noi e per i nostri malati."

Beltrammi lavorava era un apprezzato geometra nel settore lavori pubblici del Comune di Mercato Saraceno. "Con Ugo non perdiamo solo un dipendente comunale, perdiamo un amico, una persona buona, onesta, disponibile, sempre pronta a mettersi in gioco e risolvere i problemi della nostra comunità - le parole dell'amministrazione comunale di Mercato Saraceno -. Sino al giorno delle esequie, le bandiere del municipio saranno tenute a mezz'asta. Ciao Ugo, ciao Silvia, non vi dimenticheremo".

Venerdì nel tardo pomeriggio la notizia della sciagura stradale ha letteralmente sconvolto Sarsina, anche perchè Ugo gestiva il cinema parrocchiale. "È con estremo dolore che l’amministrazione comunale - si legge sul profilo social del Comune di Sarsina - a nome di tutti i cittadini, si stringe al dolore delle figlie, delle famiglie e degli amici di Ugo e Silvia.  È un giorno doloroso per tutta la comunità: non perdiamo solamente due giovani cittadini e due bravi genitori ma rimaniamo tutti orfani di due persone squisite. Due belle anime che hanno scelto a più riprese di dedicare la loro vita al servizio della nostra comunità.  Lo dobbiamo a Silvia ed Ugo: facciamo sentire l’affetto e il calore della nostra cittadinanza ai loro cari. Si comunica pertanto la decisione di proclamare nella giornata delle esequie il lutto cittadino, sino ad allora le bandiere del municipio saranno tenute a mezz’asta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vite spezzate mentre andavano al concerto, il cordoglio di Vasco Rossi. L'Irst: "Silvia era un punto di riferimento"

ForlìToday è in caricamento