Preso il rapinatore dello studente in centro: è lo stesso che molestò e derubò una ragazza

La Questura di Forli-Cesena sta disponendo i provvedimenti necessari per il suo successivo allontanamento dal territorio Nazionale

Il furto al distributiore

Identificato il responsabile della rapina commessa l'8 gennaio scorso nel centro di Forlì ai danni di un studente universitario. Gli agenti della Squadra Mobile della questura di Corso Garibaldi, al termine di un'attività investigativa, hanno eseguito un’ordinanza cautelare dell’obbligo di dimora, nei confronti di un magrebino di 23 anni. L'episodio si era consumato intorno alle 22: lo straniero, insieme ad un complice ancora in fase d'identificazione, aggredì alle spalle il malcapitato, un ragazzo ventiduenne, strappandogli un paio di cuffie bluetooth e rovistandogli nelle tasche del giubbotto in cerca di effetti personali.

La vittima reagì divincolandosi e chiedendo l’aiuto della Polizia. Le Volanti intervenute immediatamente sul posto avevano raccolto quante piu informazioni possibili alla ricostruzione dei fatti e all’identificazione degli autori.  La successiva attività d’indagine ha permesso di identificare con certezza l’autore del reato consentendo cosi al sostituto procuratore Filippo Santangelo anche in considerazione dei precedenti penali dell'individuo, di richiedere un aggravamento della precedente misura a cui lo stesso magrebino era sottoposto (obbligo di presentazione alla P.G.).  E così il giudice ha disposoto per il malvivente l’ordinanza cautelare dell’obbligo di dimora obbligando all’indagato di non uscire dal Comune di Forli e di rispettare le limitazioni notturne (dalle 20 alle 7) al fine di evitare occasioni propizie per la commissione dei reati.

I precedenti

Il magrebino è stato già indagato in precedenti attività d’indagine come autore di numerosi furti aggravati commessi a Forli nel settembre dello scorso anno. In particolare le indagini condotte dalla locale Squadra Mobile, hanno permesso di accertare come il giovane marocchino insieme ad un connazionale in orario notturno aveva forzato la cassa automatica del cambia monete di un distributore di carburanti in Viale Roma a Forli. Per quanto i due fossero travisati, erano stati riconosciuti dall’abbigliamento successivamente sequestrato nelle loro abitazioni.

Inoltre lo stesso era stato anche denunciato nei giorni ancora precedenti come complice per l'episodio di rapina e violenza sessuale ai danni di una ragazza italiana avvenuto la notte del 24 agosto nel centro cittadino di Forli, reato commesso insieme ad un altro suo coetaneo e connazionale. Infine solo nel mese di dicembre scorso il 23enne si è reso responsabile di altri due episodi delittuosi. Nel primo caso è stato arrestato in flagranza dalle Volanti per rapina impropria poiché, dopo aver sottratto alcuni oggetti da un centro commerciale, tentò di darsi alla fuga, strattonando il personale di vigilanza che stava cercando di fermarlo; nel secondo invece è stato denunciato sempre dalle volanti per il furto di alcuni effetti personali ai danni di una giovane coppia nel centro storico mercuriale. La Questura di Forli-Cesena sta disponendo i provvedimenti necessari per il suo successivo allontanamento dal territorio Nazionale. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Tragedia sui binari, muore una 13enne. Traffico ferroviario in tilt: cancellazioni e ritardi

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Tragedia in ospedale: 20enne si lancia nel vuoto e perde la vita

  • Un forlivese taglia il traguardo dell'Ironman 2019 tra i primi cinque

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

Torna su
ForlìToday è in caricamento