menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Indirizzo musicale anche alla scuola materna? Parte la sperimentazione per 25 bambini

Non si tratta di un esperto che va nella scuola materna a fare un numero di ore di musica, ma di una vera e propria programmazione dell'attività della scuola materna attraverso la musica"

La scuola dell'infanzia comunale “Quadrifoglio” sperimenta il corso ad indirizzo musicale. Il debutto è previsto per il mese di settembre, con la prima classe dei bambini dei 3 anni, 25 bambini e poi nel triennio si allargherà a tutta la scuola materna, dai 3 ai 5 anni. A presentare la novità è l'assessore alla Cultura Valerio Melandri: “Da quando abbiamo ripreso in mano l'istituto musicale Masini con il nuovo consiglio di amministrazione, si è fatta più incisiva l'azione sulla 'vita sonora' della città, assieme alla creazione del comitato 'Forlì in musica', che a sua volta valorizza le scuole di musica non statali”. Per l'assessore il progetto che è stato definito è un “bell'esempio di integrazione di scuola e musica”.

Di cosa si tratta?  Raffaella Alessandrini, membro del consiglio del 'Masini' lo specifica: “E' un progetto triennale che partirà a settembre. Non si tratta di un esperto che va nella scuola materna a fare un numero di ore di musica, ma di una vera e propria programmazione dell'attività della scuola materna attraverso la musica. Una scuola materna in cui la musica diventa un mezzo di promozione dello sviluppo del bambino in tutti gli aspetti, con particolare attenzione ai bambini con difficoltà evolutive, dato che la musica aiuta la socializzazione, favorisce il linguaggio e lo stare assieme. Ci sarà un lavoro di equipe, che si aggiunge al team dei docenti della scuola materna”. Le iscrizioni sono aperte fino al 25 gennaio.

A coordinare il progetto, all'istituto musicale Masini è l'insegnante Elisa Ridolfi, che è laureata in musicoterapia e ha una competenza specifica di 15 anni per questa fascia di età. Aggiunge il presidente Giovanni Ghini: “Si parte da bambini, che già sono in grado di apprezzare il ritmo e la musica e si parte con un'educazione che permetterà loro da grandi di capirla e apprezzarla. Se non diventeranno musicisti, diventeranno fruitori di musica”. Per il sindaco Gian Luca Zattini, presente assieme all'assessore alla Scuola Paola Casara, il progetto “si inserisce nell'idea di arricchire la città, educare al bello, alla condivisione. Chi fin fa piccolo si avvicina a un testo musicale, potrà avere una maggiore capacità di apprezzare il bello”. Per la musica, il primo cittadino ricorda infine il progetto di realizzare un auditorium all'ex Gil in viale della Libertà.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Come eliminare l'odore di fumo in casa: ecco i consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento