rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Incidenti sul lavoro

Incidente sul lavoro, volo di quasi 5 metri dall'impalcatura: l'operaio non è più in pericolo di vita

I medici si erano inizialmente riservati la prognosi, ma fortunatamente, col trascorrere dei giorni, le sue condizioni sono migliorate

Non è più in pericolo di vita l'operaio quarantenne rimasto ferito in modo grave giovedì scorso mentre stava effettuando alcuni lavori di tinteggiatura in appalto all'ex asilo Santarelli di Forlì. L'uomo era precipitato da un'altezza di circa 4-5 metri, battendo la testa: soccorso dai sanitari del 118, era stato poi trasportato all'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena, dove era stato ricoverato nel reparto di Rianimazione. I medici si erano inizialmente riservati la prognosi, ma fortunatamente, col trascorrere dei giorni, le sue condizioni sono migliorate. 

L'incidente si era verificato intorno alle 10,30 nello stabile di proprietà del Comune in via Caterina Sforza, che ha affidato ad una ditta esterna opere di restauro. Al momento del primo soccorso, avendo battuto la testa, il lavoratore è partito alla volta del nosocomio cesenate in pericolo di vita. Sul posto per i rilievi di legge si sono portate le pattuglie dei carabinieri e il personale della Medicina del Lavoro. Al lavoratore era arrivata anche la vicinanza del Comune, che aveva espresso "massima vicinanza al lavoratore e profondo rammarico per il grave episodio". 

Anche i sindacati Feneauil, Filca Cisl e Fillea Cgil erano intervenuti per chiedere maggiore sicurezza, denunciando "quanto si debba ancora fare nella prevenzione degli infortuni e quanto si debba investire per evitare che questi succedano. La sicurezza sul lavoro costituisce un investimento aziendale, troppo spesso invece è visto come un mero costo su cui cercare di “fare la cresta” per ridurre l’impatto economico. Sicurezza e regolarità dovrebbe essere il binomio da perseguire in un settore articolato dove, nonostante l’avanzamento delle norme legislative, esiste un sistema di appalti e subappalti infiniti, tendenti ad eludere. La caduta dall’alto è la causa più frequente degli incidenti nel settore, la frenesia dello svolgimento dell’attività, finalizzata a rendere “di più”, costituisce sicuramente un altro fattore determinante. Per questo chiediamo che vengano intensificati i controlli, l’introduzione della patente a punti e applicazione delle sanzioni penali per mancato rispetto delle norme sulla sicurezza". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente sul lavoro, volo di quasi 5 metri dall'impalcatura: l'operaio non è più in pericolo di vita

ForlìToday è in caricamento