rotate-mobile
Cronaca

Urta i fili dell'alta tensione, trentenne muore folgorato mentre scarica letame

Nel corso delle operazioni di recupero con il cassone del furgone ancora aperto, ha urtato i fili dell'alta tensione, rimandendo folgorato

E' morto folgorato mentre stava lavorando in un campo. Vittima della sciagura, avvenuta a Pontemaodino, nella zona agricola di Codigoro, un trentenne residente nel forlivese, Claudio Bucci. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, effettuata dai Carabinieri, la vittima stava scaricando del letame da un furgone, rimanendo intrappolato nel fango.

E' così iniziata un'operazione di recupero per togliere il mezzo pesante dalla 'trappola' di fango. Ma nel corso delle manovre il giovane non si è accorto che il cassone del camion, rimasto aperto, si era appoggiato ai fili dell'alta tensione. Probabilmente, ma su questo faranno luce le indagini delle forze dell'ordine, il ragazzo è rimasto folgorato scendendo dal mezzo.

Immediato l'intervento dei soccorritori del 118, che hanno operato anche con l'elimedica per il trasporto all'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena. Ma per il giovane, Claudio Bucci, 30enne di Fratta Terme (Bertinoro) non c'è stato nulla da fare: è morto sul colpo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urta i fili dell'alta tensione, trentenne muore folgorato mentre scarica letame

ForlìToday è in caricamento