menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sostanze inquinanti nel fiume: moria di pesci nel Bidente a valle di Santa Sofia

Moria di pesci a valle di Santa Sofia nel fiume bidente. "L'identità di chi ha "sversato" sostanze inquinanti rimane per ora sconosciuta", esordisce il presidente del Wwf Forlì, Alberto Conti

Moria di pesci a valle di Santa Sofia nel fiume bidente. "L’identità di chi ha “sversato” sostanze inquinanti rimane per ora sconosciuta - esordisce il presidente del Wwf Forlì, Alberto Conti -. Auspichiamo che le indagini facciano piena luce sull’evento doloso che alla fine di giugno ha provocato gravi conseguenze per l’ecosistema fluviale. Evidentemente persiste la mentalità criminale di chi considera i fiumi solo comodi ricettacoli per ogni tipo di rifiuto liquido o solido che sia".

"Al contrario i fiumi sono le arterie vitali del nostro territorio, sono dei preziosissimi beni comuni tutelati dalla nostra Costituzione e come tali vanno rispettati - continua Conti -. Chi ha commesso il fatto sta facendo un torto a tutta la comunità e per questo deve essere individuato e giudicato di fronte alla legge. Del resto è un preciso dovere, da parte degli enti di controllo e degli organi di informazione, mantenere alto il livello di vigilanza e di attenzione su un problema, quello dell’inquinamento e dell’eccessivo sfruttamento delle risorse idriche, che durante la stagione estiva assume tonalità sempre più allarmanti".

"Ciò a causa da un lato della siccità, che provoca la diminuzione delle portate e del potere autodepurante dei corsi d’acqua e dall’altro del fenomeno dei prelievi a scopo agricolo, che nella nostra Regione sono praticamente gratuiti, per cui chiunque, presentando semplicemente una domanda e pagando un canone di pochi euro all’anno, può attingere acqua senza limiti dal fiume per irrigare le proprie colture", chiarisce l'ambientalista.

"In questo modo il deflusso delle acque, da monte a valle, scende al di sotto del cosiddetto “minimo vitale”, con conseguenze deleterie per tutte le forme di vita (pesci, anfibi, rettili, insetti, piante acquatiche, etc.) che dipendono dal fiume e con il pericolo che ogni sversamento di sostanza inquinante trasformi il fiume in una vera e propria cloaca a cielo aperto, con tutte le conseguenze, anche dal punto di vista sanitario, che si possono ben immaginare", conclude Conti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento