Intervista all'assessore Cintorino: "Allo studio un piano di risorse a fondo perduto per il commercio in crisi"

Lo spot social per la città mercuriale di Andrea Delogu, la conduttrice televisiva de "La vita in diretta", come era plausibile che accadesse quando si commenta una opinione, divide i forlivesi

"A Forlì si possono vedere tante cose. E' piccola, ma è piena e strabordante di vita e posso fare un elenco smisurato di ristoranti dove andare a mangiare o di piccoli agriturismi da visitare". Lo spot social per la città mercuriale di Andrea Delogu, la conduttrice televisiva de "La vita in diretta", come era plausibile che accadesse quando si commenta un'opinione, divide i forlivesi. Ma non è certo tutto rose e fiori, passeggiando per le vie del centro, balza tuttavia all'occhio le numerose chiusure di attività: vetrine vuote e luci spente, che chiedono di tornare ai vecchi "lumi".

Andrea Cintorino, assessore al centro storico del Comune di Forlì, cosa ne pensa del video di Delogu?
Fa piacere che abbia promosso a livello turistico la città. Va valorizzata. Purtroppo negli anni passati non lo è stato fatto abbastanza e la giunta Zattini sta cercando in tutti i modi di farlo a 360 gradi. Forlì merita tantissimo come città.

C'è chi parla di centro storico "morto", con tanti negozi chiusi...
L'emergenza sanitaria non ha aiutato. I piccoli commercianti erano in sofferenza prima della pandemia, poi quello ne è conseguito è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Sul centro storico ci stiamo lavorando.

Una delle sfide più importanti della giunta Zattini...
Rientra in progetto molto più ampio, con un lavoro in sinergia con tutti gli assessorati. Per quanto concerne gli aiuti, stiamo valutando come amministrazione, di aprire un fondo, le cui modalità devono essere ancora decise, delle risorse date a fondo perduto da destinare alle attività già presenti all'interno del centro e non solo, sia chi vuole aprirne. La crisi commerciale ha colpito tutti indistintamente e non ha risparmiato nessuna città. Noi cercheremo di agire, cercando di dare aiuti concreti.

Con l'estate prossima alla conclusione, si attendono delle iniziative che possano invogliare ad andare in centro. Come accaduto con l'Arena San Domenico...
A settembre c'è un calendario fittissimo di appuntamenti, soprattutto sportivi. E col vicesindaco con delega allo Sport, Daniele Mezzacapo, abbiamo fatto in modo che si svolgessero in centro per animare il cuore della città, ovviamente nel rispetto delle norme anti-covid, perchè il virus è ancora in circolazione ed è importante come ha detto il sindaco Gian Luca Zattini non abbassare la guardia.

Tra gli eventi in calendario a settembre, domenica 6 ci sarà "Prima Moda Mercuriale Forlì". Come sarà organizzata?
E' promossa dall’associazione "Sport Cultura & Futuro Aad", col patrocinio del Comune di Forlì. Si terrà alle 21, con l'intrattenimento di Andrea Vasumi, che farà anche da presentatore. Coinvolgerà molti negozi del centro, con una sfilata che si svolgerà sul palco allestito sotto il Comune. Gli ingressi saranno contingentato, con predisposizione di sedute distanziate. Ci sarà una raccolta fondi, con offerta libera, il cui ricavato andrà all'ospedale "Morgagni-Pierantoni".

E per il futuro?
Stiamo lavorando per gli eventi di ottobre e novembre. Ci sarà per esempio la festa di Santa Caterina, stiamo lavorando sul Natale, mentre sul Capodanno non possiamo ancora dire in che formula è possibile organizzare un evento. Sarà sicuramente un Natale speciale, più dello scorso anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento