menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Inventare il futuro", un altro premio agli Amici di Castiglione

Un altro riconoscimento agli "Amici di Castiglione". L'anno scorso ottennero la ribalta al 28° salone internazionale dell'Esterno-Sun di Rimini, con il progetto, predisposto dall'architetto Valentina Corzani

Un altro riconoscimento agli “Amici di Castiglione”. L’anno scorso ottennero la ribalta al 28° salone internazionale dell’Esterno-Sun di Rimini, con il progetto, predisposto dall’architetto Valentina Corzani, di recupero dei 14 rifugi sul Rio Cosina che, durante i rovinosi bombardamenti su Forlì del 1944, salvarono la vita a centinaia di persone. Quell’elaborato, con altri quattro, fu selezionato anche per rappresentare la Regione Emilia Romagna al concorso europeo Pays Med Urban.

Il 20 ottobre scorso, l’associazione culturale capitanata dal professor Camillo Fucci ha conquistato la medaglia di bronzo al concorso “Inventare il Futuro”, bandito dall’Università degli Studi di Bologna nella categoria “patrimonio culturale e artistico”. “Se il futuro è dei giovani, perché non chiedere direttamente a loro di progettarlo, mettendo le nuove tecnologie al servizio della collettività?”. E’ quanto hanno pensato i responsabili dell’Alma Mater Studiorum, nel momento del lancio del concorso, aperto a studenti e neolaureati di tutta Europa grazie al contributo della Fondazione del Monte di Bologna. Il filo conduttore della competizione era l’uso delle nuove tecnologie per il miglioramento della qualità della vita. In gara si sono affrontati ben 228 progetti, suddivisi in sei categorie. Il gruppo di lavoro forlivese era composto dall’architetto Valentina Corzani, nonché da Angelica Fabbri e Antonio Valbonesi, studenti di matematica e storia all’Università felsinea. Insieme all’associazione culturale “Amici di Castiglione” e col contributo tecnico della “Web-agency Orazio Fabbri Comunicazione”, i tre giovani hanno ideato un’applicazione per “smartphone” dal nome altisonante: “Linea Gotica Mobile”.


“L'idea – spiega Orazio Fabbri - è nata dall’impegno dell’Associazione Amici di Castiglione per la valorizzazione delle grotte rifugio di Castiglione, riuscendo a coinvolgere diversi enti, fra i quali il Comune di Forlì, l’Istituto Beni Culturali della Regione e l’Istituto Storico Provinciale della Resistenza”. Con “Linea Gotica Mobile”, il territorio inquadrato dalla telecamera viene raccontato attraverso la visualizzazione di filmati e risorse multimediali. Il gruppo di lavoro ha cercato di sviluppare un’applicazione, in grado di far conoscere il momento del passaggio del fronte anche ai giovani amanti delle nuove tecnologie. “E’ nato uno strumento - conclude Fabbri - che, se realizzato, potrebbe divenire un modo facile e stimolante per viaggiare nel tempo e leggere l’ambiente circostante dal punto di vista naturalistico”. La “smartphone-app” sui rifugi potrebbe rappresentare la chiave di volta per il lancio definitivo, anche dal punto di vista turistico, del Parco della Linea Gotica, vasta rete di luoghi di interesse storico ed ambientale, prevista nell’ambito del progetto elaborato dall'Istituto Beni Culturali-IBC della Regione Emilia Romagna, coordinato da Vito Paticchia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento