menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Investono pneumatici vaganti in A14 e chiedono i danni al gestore dell'autostrada

Una scena la cui idea fa paura in molti: trovarsi un ostacolo in mezzo alla carreggiata mentre si sfreccia in autostrada. Spesso a bordo strada si vedono copertoni di camion

Una scena la cui idea fa paura in molti: trovarsi un ostacolo in mezzo alla carreggiata mentre si sfreccia in autostrada. Spesso a bordo strada si vedono copertoni di camion, ma a volte purtroppo tali oggetti si trovano in mezzo alla strada e si finisce per investirli. Due automobilisti hanno chiesto i danni alla società autostradale, entrambi in transito sull’A14 e accomunati dalla stessa disavventura, a poco più di un mese di distanza l’una dall’altro: un incidente con uno pneumatico vagante. 

Il primo caso è avvenuto il 21 gennaio ad una donna alla guida di un'Audi all’altezza di Forlì. Impossibile frenare o cambiare corsia, la vettura è circondata da altri veicoli, inevitabile l’impatto con lo pneumatico: l’automobilista riesce miracolosamente a tenere la sua macchina in strada, evitando pericolose sbandate, e si salva, ma, appena può accostare, nota subito che il danno al paraurti anteriore è notevole. La signora avvisa subito del fatto Autostrade per l’Italia, anche per segnalare il pericolo che possono correre altri automobilisti. E' poi ricapitato, in provincia di Ravenna, il 28 febbraio e con conseguenze ancora peggiori, perché qui il sinistro accade di notte. L’automobilista di Bagnacavallo viaggia con la sua Bmw Serie 1 nel tratto dell’A14 compreso sta per uscire alla diramazione per Ravenna, quando sente all’improvviso un botto sulla vettura e un violento scossone. L’uomo si ferma quindi in corsia di emergenza per riprendersi dallo spavento e per verificare cosa sia successo ed è allora che si rende conto di aver impattato con il muso della sua Bmw - anche lui - contro un grosso pezzo di pneumatico che si trova sul manto autostradale e che, a quell’ora di notte, è difficilmente percepibile. Anche per lui un caro prezzo dal carrozziere. 

La Studio3A, che assiste i due malcapitati, ha chiesto i danni al gestore Autostrade per l’Italia. Per i legali infatti “essendo ampiamente assodato, anche da sentenze della Cassazione su precedenti analoghi, che l’ente gestore è responsabile dell'incidente provocato da uno pneumatico presente nella tratta di sua competenza, indipendentemente da chi lo abbia perduto, e come tale è tenuto a risarcire gli utenti coinvolti. E’ suo obbligo infatti quello di mantenere sempre condizioni di sicurezza le tratte gestite”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento