menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Itaer (Foto d'archivio)

L'Itaer (Foto d'archivio)

Boom di iscrizioni di studentesse all'Itaer, al via la sezione femminile del convitto dei Salesiani

Essendo uno dei tre istituti tecnici aeronautici pubblici italiani raccoglie studenti da tutt'Italia, dalla Sicilia al Piemonte. Per l'80% dei circa 600 studenti sono ragazzi da fuori provincia

Il convitto dei Salesiani apre anche alle ragazze e riserva alle studentesse dell'Istituto Tecnico Aeronautico 10 posti a partire dal prossimo anno scolastico. E' il rafforzamento del servizio già in atto a favore degli studenti maschi dell'Itaer. La scuola superiore che si trova in via Montaspro, nell'ambito del polo tecnologico aeronautico, è 'sui generis' a Forlì. Essendo uno dei tre istituti tecnici aeronautici pubblici italiani raccoglie studenti da tutt'Italia, dalla Sicilia al Piemonte. Per l'80% dei circa 600 studenti sono ragazzi da fuori provincia, spesso da fuori regione, che per la passione del volo decidono all'età di 14-15 anni di trasferirsi nella nostra città. Per questo l'offerta di ospitalità è fondamentale e va integrata alla scuola.

“L'Itaer vede crescere le iscrizioni, nonostante il periodo di crisi dovuto alla pandemia – spiega la preside Maura Bernabei -. Gli studenti che non sono del territorio o non fanno i pendolari, ce ne sono che con grande sacrificio lo fanno tutti i giorni anche dalle Marche, trovano ospitalità nel convitto dei Salesiani, nel convitto annesso all'istituto agrario di Cesena e presso famiglie private, col coordinamento della cooperativa 'Paolo Babini'”. Per l'anno prossimo si registra un boom delle iscrizioni femminili: saranno 38 sui 140 nuovi iscritti alla prima, cioè il 27%, il raddoppio rispetto agli anni precedenti. Da qui la necessità di garantire anche a loro le stesse condizioni degli altri studenti.

“Creare un convitto femminile non è stato facile, ci abbiamo provato a più riprese ed oggi possiamo dire che l'obiettivo è raggiunto”, commenta il presidente della Provincia Gabriele Fratto. Il convitto dei Salesiani, in centro a Forlì, che conta 110 posti letto di cui 80 riservati all'Itaer, aprirà ora una sezione di 10 posti letto riservata alle ragazze, con un investimento di 57mila euro. Ragazzi e ragazze che sono, pur sempre, prima di tutto adolescenti, come rimarca don Piergiorgio Placci, direttore Opera Salesiana Convitto Scuole Superiori. Per questo “nel convitto sono accompagnati da educatori, trovano assistenza e ascolto, un ambiente familiare e sostenuti nello sviluppo di valori”. I salesiani arrivano a Forlì nel pieno della guerra, nel 1942, e nel 1947 aprono un il primo nucleo di un collegio per bambini poveri. I tempi da allora sono molto cambiati, ma resta l'obiettivo della cura e delle scescita dei giovani nell'istruzione e nel lavoro. La sezione per le ragazze sarà concentrata su un unico piano, dove sono presenti però anche alloggi per studenti maschi. “Non creiamo 'zone segrete'”, spiega don Placci.

“Questo territorio dimostra che anche in una fase critica ha trovato lo stimolo e l'entusiasmo per portare a compimento un progetto quasi impossibile. Per ora si parte con 10 posti letto, poi vedremo come vanno gli ingressi nei prossimi anni”, commenta la consigliera provinciale delegata alla Scuola Valentina Ancarani. Il sindaco Gian Luca Zattini rimarca invece l'importanza di erogare servizi a una componente “di un polo aeronautico che ci ha permesso di riaprire il nostro aeroporto”.

presentazione convitto femminile-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento