Cronaca

L'emergenza Covid perdura, la Regione non abbandona chi è in difficoltà: in provincia 500mila euro

Prosegue e si rafforza l’impegno della Regione Emilia-Romagna per aiutare famiglie e persone in difficoltà e contrastare disuguaglianze, povertà educativa e i fenomeni di disagio e di ritiro sociale di adolescenti

Pagamento dell’affitto, delle utenze domestiche, buoni spesa. Ma anche sostegno socioeducativo e prevenzione del disagio giovanile.

Prosegue e si rafforza l’impegno della Regione Emilia-Romagna per aiutare famiglie e persone in difficoltà e contrastare disuguaglianze, povertà educativa e i fenomeni di disagio e di ritiro sociale di adolescenti e preadolescenti (i cosiddetti Hikikomori), purtroppo in aumento con il perdurare dell’emergenza Coronavirus.

Ammonta a 5,7 milioni di euro il pacchetto di risorse, provenienti dal bilancio regionale, aggiuntive rispetto ai 51,2 milioni assegnati lo scorso aprile per il Fondo sociale regionale 2021, che la Giunta ha stanziato con un atto approvato in questi giorni. Un ulteriore sostegno, che complessivamente si avvicina dunque ai 57 milioni, che consentirà ai Comuni e Unioni di Comuni di rafforzare gli interventi e i servizi sociali del territorio e prolungare concretamente gli aiuti a chi ne ha più bisogno.

Dell’intera somma (5,7 milioni), 4 milioni sono finalizzati a supportare le persone in situazioni di fragilità e precarietà impreviste, come forme di indebitamento e perdita di posti di lavoro che in alcuni casi hanno aggravato condizioni critiche preesistenti. Le azioni previste potranno riguardare il pagamento di affitto e utenze domestiche, l’erogazione di buoni spesa, contributi economici o prestiti sull’onore, per supportare chi si trova in situazioni di difficoltà ma non rientra nelle diverse misure di sostegno al reddito previste a livello nazionale.

I restanti 1,7 milioni di euro, aumentati grazie anche alla scelta condivisa con l’Assemblea legislativa, serviranno a finanziare interventi di prevenzione del disagio giovanile e progetti di sostegno socioeducativo; e ancora, attività scolastiche e formative, anche con l’ausilio di educatori per interventi domiciliari, e specifici contributi per l’acquisto di dispositivi digitali o connessioni.

“Con queste ulteriori risorse possiamo rafforzare l’impegno che abbiamo preso ad aprile con la nuova dotazione per il 2021 del Fondo sociale regionale, arrivando a 57 milioni complessivi, per dare risposte concrete alle persone che la crisi economica e sociale dovuta alla pandemia ha reso più fragili, in particolare i più giovani e le donne- sottolinea la vicepresidente con delega al Welfare, Elly Schlein-. Per questo la Regione Emilia-Romagna, al fianco degli Enti locali, ha deciso di dedicare un’attenzione particolare all’emergenza sociale, riorientando una parte della programmazione degli ambiti distrettuali al contrasto delle disuguaglianze e delle nuove povertà. E sempre per non lasciare indietro nessuno- conclude la vicepresidente- abbiamo ritenuto particolarmente urgente in questo momento sostenere concretamente chi sente di aver perso tutto, fornendo loro gli strumenti per resistere e, magari, per ricostruirsi un futuro”.

La ripartizione dei fondi, per provincia

I 5,7 milioni complessivi stanziati dalla Regione sono destinati a Comuni e Unioni di Comuni- sulla base del numero di residenti e fasce d’età e con particolare rilevanza in caso di presenza di Comuni montani- per rafforzare gli interventi e i servizi sociali del territorio, in base alle esigenze e alle priorità definite e programmate tramite i Piani di zona a livello distrettuale.

A livello territoriale, le risorse vengono così suddivise tra tutte le province dell’Emilia-Romagna: Bologna (1.293.2968 euro); Modena (926.267); Reggio Emilia (700.898); Parma (580.818); Forlì-Cesena (505.139); Ravenna (485.831); Rimini (429.596); Ferrara (414.304); Piacenza (363.847).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'emergenza Covid perdura, la Regione non abbandona chi è in difficoltà: in provincia 500mila euro

ForlìToday è in caricamento