Forlimpopoli, l'Artusi di Forlimpopoli riceve il premio di "scuola dell'anno"

"Si tratta di un ambito riconoscimento che riempie di orgoglio l’intera comunità scolastica, identificata a livello internazionale come eccellenza nell’eccellenza nei settori dell’ospitalità alberghiera e della cultura enogastronomica"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Poker di premi per l’Istituto Alberghiero “P. Artusi” di Forlimpopoli che è stato incoronato “Scuola dell’Anno” e ha visto tre dei suoi docenti, il prof. Stefano Buda, il prof. Basilio Papa e il prof. Gilles Coffi Degboe, insigniti del titolo di “Professionista dell’Anno” nell’ambito del Gran Premio Internazionale della Ristorazione 2020, prestigioso riconoscimento annuale dedicato alla cultura della tavola e dell’ospitalità, patrocinato dall’International Maitres Association Hotel Restaurant, dalla Federazione italiana pubblici esercizi (sezione Rimini), dalla Federazione Italiana Settore Turismo, dall’Agenzia Stampa Anic Genova, dall’Accademia Italiana Maestri Sommelier, dall’Associazione Italiana Sommeliers Romagna e dall’Associazione Italiana Maestri di ristorazione e ospitalità. La cerimonia di premiazione, originariamente programmata nel mese di marzo ma rimandata a causa del lockdown nazionale, si è tenuta lunedì scorso, 5 ottobre, al Grand Hotel Des Bains di Riccione alla presenza del dirigente scolastico dell’Istituto forlimpopolese, Mariella Pieri, che ha così commentato: “si tratta di un ambito riconoscimento che riempie di orgoglio l’intera comunità scolastica, identificata a livello internazionale come eccellenza nell’eccellenza, quella della nostra proposta formativa che affonda le radici nella tradizione e nello slancio verso le nuove tendenze, interpretate dal forte impegno e dall’alta professionalità che gli insegnanti tecnico-pratici mettono in campo tutti i giorni al servizio dei nuovi manager dell’ospitalità alberghiera e della cultura enogastronomica. Un evento importante per la cultura della tavola, che colloca l'Istituto Alberghiero di Forlimpopoli, da sempre in stretto connubio con il territorio locale, all’interno di una realtà globale, capace anche di promuovere all’estero i talenti nostrani. In più – ha proseguito la professoressa Pieri – la decisione di conferire il diploma di merito ad una scuola, oltre a ristoranti stellati, hotel, e aziende vitivinicole, esalta il ruolo e l’investimento che l’intero settore concentra sulla formazione, soprattutto in questi tempi difficili dell’era post-Covid 19, in cui occorre ripartire con rinnovata energia e fare scuola vuol proprio dire affrontare il presente con fiducia e guardare con speranza al futuro, impegnandosi ogni giorno con spirito creativo e costruttivo”. La consegna degli oltre 400 diplomi di merito ad altrettanti ristoranti, hotel, chef, sommelier e operatori del settore provenienti da varie regioni d’Italia e selezionati dalla giuria guidata dal giornalista e critico enogastronomico Pier Antonio Bonvicini, è avvenuta in diverse fasi della giornata per garantire il rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento fisico. Tra la commissione d’onore del premio erano presenti, tra gli altri, Enrico Derflingher, già chef della Casa Reale inglese e della Casa Bianca e oggi presidente Euro-Toques International, Paolo Teverini, precursore della cucina naturale fin dagli anni ’90, lo chef e mastro pasticciere Luca Montersino, protagonista di diversi programmi televisivi di Alice Tv, e la delegata di Rimini dell’Associazione italiana sommelier Nunzia Tesoro.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento