rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Sanità in tv

La Banca della Cute dell'Emilia Romagna in onda su Rai Due a "Medicina 33"

Il servizio è stato realizzato al Laboratorio di Pievesestina da Giorgio Pacifici, Caposervizio della Redazione Scienze del Tg2, con la collaborazione in loco della giornalista scientifica Tiziana Rambelli

Lunedì prossimo, durante il programma Tg2 Medicina 33, alle 13.50 su Rai 2, andrà in onda un servizio sulla Banca della Cute dell' Emilia Romagna (Pievesestina), diretta dal dottor Davide Melandri. Il servizio è stato realizzato al Laboratorio di Pievesestina da Giorgio Pacifici, Caposervizio della Redazione Scienze del Tg2, con la collaborazione in loco della giornalista scientifica Tiziana Rambelli.

Tg2 Medicina 33, condotto da Laura Berti, è il rotocalco che racconta il mondo e le novità in campo medico, curato dalla redazione del Tg2. É possibile vedere Tg2 Medicina 33 in live streaming online attraverso il sito web ufficiale del Tg2. Il programma, servendosi di servizi, approfondimenti, interviste agli esperti del settore, news e curiosità si pone l’obiettivo di informare i telespettatori e coloro che seguono le edizioni on demand sul web sulle ultime frontiere della medicina e sui consigli degli esperti per proteggere la propria salute.

In Italia ogni anno avvengono circa mille trapianti di pelle, nella maggiorparte dei casi per ustioni, ma ci sono anche gravi patologie dermatologiche che richiedono queste terapie. La Banca della Cute della Regione Emilia - Romagna è una delle cinque banche italiane di riferimento certificate dal Centro Nazionale e Regionale Trapianti per la distribuzione di tessuto cutaneo e svolge, ormai da anni, la sua attività distribuendo cute non solo in Regione ma anche su tutto il territorio nazionale. Al pari delle altre Banche dei Tessuti, anche la Banca della Cute di Cesena confluisce nell’Aibat (Associazione Italiana Banche dei Tessuti). La Banca Cute RER è un laboratorio specializzato nella lavorazione-conservazione- stoccaggio-distribuzione di tessuto cutaneo ottenuto da donatore cadavere Multi-Tessuto (MT) e Organi-Tessuti (OT) e serve un bacino di utenza di circa 5 milioni di abitanti. Dal 2006 ha inoltre incrementato la propria attività nell’ambito della Medicina Rigenerativa e della Bioingegneria tessutale e ha avviato una sezione dedicata all'Attività di Ricerca Clinica.

Dal 2009 la Banca Cute dell'Emilia Romagna lavora il tessuto cutaneo in ambienti a contaminazione controllata dedicati presenti all’interno della Cell Factory, istituita dalla regione Emilia Romagna con specifica delibera all'Ausl Romagna. La Cell Factory è una officina di produzione di cellule e tessuti a scopo trapiantologico costituta da ambienti a contaminazione controllata certificati secondo le normative europee delle Good Manufacturing Practice (Gmp); è dotata di 5 laboratori GMP - classe D e 3 laboratori GMP - classe B. Adiacente alla Cell Factory, si trova il Settore di Criobiologia, un’area dotata di sistemi tecnologici validati per il criocongelamento a discesa programmata e la conservazione di ogni singolo prodotto confezionato e sigillato in camera bianca. Dal 2022 è attiva anche una funzione di banking del tessuto adiposo autologo che viene lavorato, convalidato e stoccato per fine trapiantologico presso la Banca della Cute, avvalendosi di una tecnologia di crioconservazione e scongelamento del tessuto adiposo brevettata da Lipobank secondo i più alti standard di sicurezza e sterilità certificati da Organismi Notificati di Importanza internazionale (Tuv).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Banca della Cute dell'Emilia Romagna in onda su Rai Due a "Medicina 33"

ForlìToday è in caricamento