La campagna benefica del Lions Club Forlì Host: altri 700 occhiali usati raccolti da Forlifarma

Al momento del ritiro dei 700 occhiali usati da parte di Roberto Amadori, socio Lions referente della raccolta, erano presenti per Forlifarma il presidente Mario Patanè, Paolo Ragazzini e Daniela Gimelli

Sono stati oltre 700 i cittadini di Forlì e di Forlimpopoli che hanno aderito alla nuova raccolta di occhiali usati promossa dalle farmacie aderenti a Forlifarma e dal Lions Club Forlì Host. Nel corso degli ultimi cinque mesi le protagoniste dell'iniziativa sono state le farmacie comunali: De Calboli, Piazza delle Erbe, viale Risorgimento, zona Ex Ufficio Iva (sempre in Viale Risorgimento), Bussecchio (davanti alla Chiesa di San Giuseppe Artigiano), Ospedaletto, Cà Rossa, via Punta di Ferro (al centro commerciale), Forlimpopoli (via Martiri di Cefalonia - Selbagnone) e la sede di Forlifarma (via Passo Buole 54).

Nei contenitori caratterizzati dalla scritta con l'invito a non buttare via gli occhiali da vista, nel caso di una loro sostituzione, perché possano essere rigenerati a scopo benefico, sono finiti oltre 700 pezzi che avranno una seconda vita, che vanno ad aggiungersi ai circa 4mila raccolti negli ultimi 4 anni. Dopo il loro recupero, che sarà effettuato dal Centro Italiano Lions di Chivasso, saranno infatti distribuiti ad abitanti dei Paesi del terzo mondo che non hanno la possibilità economica per comprarne un paio. L’associazione Lions si impegna questo modo a raccogliere e a catalogare tutti gli occhiali ricevuti in beneficenza per poi distribuirli a chi ne ha più bisogno, aiutando giovani, adulti e anziani, ma soprattutto bambini, a "vedere".

Vedere, per poter leggere, studiare, lavorare e costruire il proprio futuro, tanto che l'Organizzazione mondiale per la sanità ha stimato che la vista di circa un quarto della popolazione del mondo può essere migliorata attraverso l’uso di lenti correttive. Sfortunatamente molti non possono permettersele. Nei paesi in via di sviluppo un esame degli occhi costa quanto il salario di un mese. Spesso un solo medico è al servizio di una comunità di centinaia di migliaia di persone. In molte aree, un cattivo o trascurato funzionamento della vista può costringere gli adulti alla disoccupazione ed estromettere i bambini dalle classi scolastiche.

Il Lions Club Forlì Host ha iniziato questo service 11 anni fa coinvolgendo alcuni negozi del settore ottico che continuano tuttora questa attività, come: Ottica Gallery, Villa e Queens, ai quali si sono aggiunti: Giuliani (largo De Calboli), Giuliani (viale Roma 346), Ghetti, Benini, Pretolani e ultimamente si è unito il Comitato per la lotta contro la fame nel mondo. Al momento del ritiro dei 700 occhiali usati da parte di Roberto Amadori, socio Lions referente della raccolta, erano presenti per Forlifarma il presidente Mario Patanè, Paolo Ragazzini e Daniela Gimelli.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • "Io apro", 30 clienti a tavola. Ristoratore forlivese multato: "Un segnale per smuovere la situazione"

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • Meteo, ondata di freddo in arrivo: "Ma non parliamo di gelo. L'inverno continuerà ad essere dinamico"

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

Torna su
ForlìToday è in caricamento