La Consulta Comunale delle Famiglie chiede voce all'amministrazione

"Il punto dolente, quello che manca da un po’ di tempo a Forlì è proprio l’elemento fondante di una consulta", evidenzia il coordinatore Paolo Bergonzoni

Sono ben 24 le associazioni e i gruppi informali che si riuniscono nella Consulta Comunale delle Famiglie. Le sue “battaglie” sono cominciate più di venti anni fa, nel 1996, e continuano con lo stesso spirito, che così si sintetizza: “Quello che ci sta a cuore -dichiara il coordinatore Paolo Bergonzoni - è il bene delle famiglie di Forlì. Crediamo, infatti, che la famiglia debba essere al centro delle politiche del Comune, perché resta il punto di riferimento e il valore più certo per tutti, anziani e giovani, e genera risorse umane, relazionali e, in ultima analisi, economiche”.

Un altro slogan è “Senza famiglia non c’è comunità”: "La funzione naturale della Consulta è chiamare il Comune, che riconosce i diritti della famiglia direttamente nel proprio Statuto, a confrontarsi con una logica di valorizzazione della famiglia che parta dal concetto di equità - commenta Bergonzoni -. La sua meta ideale è che il Comune, nei suoi provvedimenti, consideri il fattore famiglia a cominciare dal numero dei figli per continuare con la presenza di disabili ed anziani, per agevolare la stessa con politiche tariffarie e di fiscalità locale più eque".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il punto dolente, quello che manca da un po’ di tempo a Forlì è proprio l’elemento fondante di una consulta: l’essere consultata dall’amministrazione. In attesa che il Comune finalmente esamini le nostre proposte, pensiamo allora di farle conoscere ai cittadini di Forlì direttamente - conclude -. Vogliamo dare più voce alle richieste, alle preoccupazioni, alle idee delle famiglie forlivesi: lo scopo è riaccendere la voglia di pensare e di progettare il futuro nostro e dei nostri figli. Chiunque sia interessato, può scrivere a:  consultacomunalefamigliefo@gmail.com".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento