menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Croce Verde manda un tir umanitario in Romania

Non conosce pause la carità internazionale targata Croce Verde Meldola-Predappio. L'ultimo beneficiario in ordine di tempo dell'onlus bidentina è la Casa di riposo di Cervenia, in Romania

Non conosce pause la carità internazionale targata Croce Verde Meldola-Predappio. L’ultimo beneficiario in ordine di tempo dell’onlus bidentina è la Casa di riposo di Cervenia, in Romania. I volontari coordinati dal presidente Ferdinando Avenali hanno appena inviato un carico di aiuti al direttore dell’ospizio e fiduciario rumeno della Croce Verde, dottor Niculae Bulumac, che sta provvedendo a ripartire i doni forlivesi ai vari destinatari in elenco.

Spiccano l’Ospedale civile di Zimnicea e i 740 minori ospitati nell’Orfanotrofio del distretto di Teleorman, realtà poverissima ma dignitosa, gestita con passione dagli assistenti sociali e operatori della locale amministrazione distrettuale, coordinata dalla dirigente Florica Alesy. Dall’elenco dei beni trasportati su “tir” a Cervenia, località del profondo sud della Romania, quasi al confine con la Bulgaria, spiccano letti con ruote, pannoloni e vestiario, materiale lettereccio, carrozzelle e giubbotti da lavoro, donati da “Linea Sterile” di Gatteo e dall’Ospedale “Bufalini” di Cesena. Grande slancio solidale anche da parte della ditta “Adjutor” di Forlimpopoli e dall’immancabile Comitato per la lotta contro la fame nel mondo di Forlì: l’onlus fondata da Annalena Tonelli ha inviato agli orfani di Teleorman derrate a lunga scadenza e ben 1.650 chili di pomodori pelati. “Dopo tante azioni umanitarie in Bosnia Erzegovina e nei Balcani – dichiara il presidente Avenali – ci rivolgiamo anche alla Romania, rispondendo a precise esigenze verificate in viaggi precedenti”.

Nel maggio scorso, la difficile realtà di Cervenia è stata visitata da un gruppo di croceverdini capitanati dallo stesso Avenali e dal volontario di lungo corso Loris Venturi. Nel suo piccolo (40 iscritti e 15 volontari operativi), la Croce Verde ce la mette tutta per lenire i disagi di un paese allo stremo. Statistiche recenti inquadrano la Romania come il più povero dell’Unione Europea. L’onlus bidentina continuerà a sostenere l’impegno dei vari Niculae Bulumac e Florica Alesy, senza trascurare gli altri fronti caritativi aperti nel Vecchio Continente. A cominciare dal progetto “Amra oltre i confini”, condiviso con l’Ageop di Bologna, che ha già condotto all’ospedale “Sant’Orsola” tre minori bosniaci affetti da leucemia, con fondate speranze di guarigione grazie al trapianto di midollo spinale. Condannati a morte certa nel loro misero paese, i giovani sono giunti in Italia a spese della Croce Verde, testimoni di uno slancio umanitario che va con un filo di gas, in barba alla più grave crisi economica dal 1929.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento