rotate-mobile
La visita

La vita delle donne in carcere, tra presente e speranze future: i Giovani Avvocati incontrano le detenute

La delegazione di Aiga è stata a colloquio con 4 detenute che hanno condiviso le proprie preoccupazioni, le proprie speranze ed anche le valutazioni sulla vita in carcere

Nell’occasione della “Giornata Internazionale della Donna”, le delegazioni dell’Osservatorio Nazionale Aiga sulle carceri e della sezione di Forlì-Cesena dell'Associazione Italiana Giovani Avvocati, grazie all’autorizzazione concessa dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e dal Ministero della Giustizia, hanno avuto l’opportunità di accedere l’8 marzo presso 18 istituti detentivi in tutto il territorio nazionale. Per l'Emilia Romagna la delegazione - composta dagli avvocati Filippo Antonelli, referente dell’Osservatorio Nazionale Aiga sulle carceri per la sezione Aiga di Forlì-Cesena, Francesco Barducci, coordinatore regionale Aiga e Diego Franchini, presidente della sezione Aiga di Forlì–Cesena - ha fatto visita alla sezione femminile della casa circondariale di Forlì.

La delegazione dei giovani avvocati è stata accolta dalla direzione del carcere, a partire dalla direttrice Palma Mercurio e a seguire da tutto il personale e, detenute. Gli avvocati, accompagnati dal comandante e da un agente penitenziario, insieme alle educatrici della sezione, si sono informati sui numeri della struttura, con particolare riferimento alle detenute ospitate e all’organico della polizia penitenziaria, ma anche sugli spazi interni ed esterni del reparto, oltre che sulle attività rieducative attivate per le detenute.

È presente un piccolo orto-giardino, che viene coltivato grazie alla passione di alcune detenute, oltre ad una piccola cappella interna. Di particolare rilievo lo spazio per attività di sartoria, ma anche la biblioteca del reparto femminile, che funge anche da sala cinema e ricreativa. La biblioteca viene curata dalle stesse detenute, le quali seguono la catalogazione ed i prestiti dei libri. La delegazione di Aiga è stata, infine, a colloquio con 4 detenute che hanno condiviso le proprie preoccupazioni, le proprie speranze ed anche le valutazioni sulla vita in carcere.

Durante il confronto tra le detenute e la delegazione dei giovani avvocati sono emersi i vari progetti sviluppati con il prezioso aiuto del personale interno e dei volontari, oltre ai corsi frequentati dalle detenute (tra i quali teatro, alfabetizzazione, pittura e sartoria). Sono altresì emerse dalle detenute le richieste di un potenziamento delle attività sportive da implementare all’interno del reparto (ad esempio quella della pallavolo con l’acquisto di una rete) e di una maggiore sensibilizzazione verso le imprese del territorio rispetto alle assunzioni delle detenute lavoratrici.

In conclusione, spiegano i Giovani Avvocati, "si è trattata di un’esperienza molto toccante a livello umano e molto appagante a livello professionale", ma che per la delegazione di Aiga Forlì – Cesena rappresenta "il punto di partenza per tentare di migliorare le condizioni delle detenute e per cercare di risolvere le questioni oggetto di confronto con la direzione della struttura, tra le quali quella della necessità di un restauro del tetto della zona più antica del complesso (risalente addirittura al ‘400), danneggiata da un temporale estivo ormai da alcuni anni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vita delle donne in carcere, tra presente e speranze future: i Giovani Avvocati incontrano le detenute

ForlìToday è in caricamento