La pasticceria Flamigni dona 3mila colombe pasquali alla Caritas diocesana

A beneficiare di ben tremila dolci pasquali offerti dalla pasticceria Flamigni, saranno altrettante famiglie povere forlivesi

Ennesimo gesto di generosità della pasticceria artigianale “Flamigni” di Forlì. Dopo ottocento delle sue rinomate colombe pasquali donate a tutti gli operatori sanitari forlivesi impegnati nella lotta al Coronavirus e altre centocinquanta offerte agli ospiti ed operatori della Casa di Riposo “Orsi Mangelli” di Vecchiazzano condotta dal Consorzio Archimede, la storica azienda di San Martino in Strada, sorta nel 1930 nella centralissima piazza Saffi e operativa dal 2019 nel nuovo stabilimento di via Martin Luther King, mette nel suo potente mirino solidale nientemeno che la Caritas diocesana.

A beneficiare di ben tremila dolci pasquali offerti dalla pasticceria Flamigni, saranno altrettante famiglie povere forlivesi. "Nella settimana Santa appena iniziata - dichiara il direttore della Caritas diocesana Filippo Monari - faremo in modo di distribuire le colombe di Flamigni, che sono gran parte della sua produzione 2020, insieme ai pacchi viveri, ai nuclei familiari in difficoltà tramite l’Emporio della Solidarietà e tutti i centri di ascolto parrocchiali attivi". Monari coglie l’occasione per ricordare che il numero di emergenza della Caritas diocesana, a disposizione di quanti necessitano di un aiuto viveri e non hanno reti amicali, in particolare famiglie in situazione di forte disagio socio-economico, donne sole con bambini e anziani, rimarrà attivo fino al 10 aprile. Basterà comporre il numero 328-7881932, dalle 9 alle 11,30 e dalle 15 alle 17 dal lunedì al venerdì.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Molti forlivesi - continua Monari - ci chiedono come aiutare la Caritas diocesana”. Agli operatori di via Dei Mille (Centro di ascolto e prima accoglienza Buon Pastore) e via Ravegnana (Mensa San Francesco e Ricovero notturno) servono dispositivi di sicurezza (mascherine, igienizzanti e guanti), alimenti a lunga conservazione, ma anche donazioni in denaro. "I soldi raccolti - continua il responsabile della rete Caritas - serviranno per acquistare alimenti di prima necessità, in modo da continuare la consegna dei pacchi viveri a domicilio e sostenere le mense del Buon Pastore e San Francesco, ma anche dispositivi di sicurezza e prodotti igienizzanti e per l’igiene personale, da distribuire alle persone". E’ possibile sostenere gli interventi della Caritas diocesana utilizzando il conto corrente intestato a Fondazione B.Pastore – Caritas, specificando nella causale “Emergenza Coronavirus DONA SUBITO”: IBAN IT16V0306913298100000006988. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento