Domenica, 21 Luglio 2024
Sindacati

La popolazione invecchia, ma ci sono sempre meno badanti. La Cisl: "Urge un piano d'azione"

Negli ultimi dieci anni, il numero di anziani è aumentato rispettivamente del 14,78%. Tuttavia, i contratti di colf e badanti sono diminuiti di oltre il 30%

L'invecchiamento della popolazione e la carenza di badanti e colf rappresentano una sfida seria ed urgente per la Romagna. Un'analisi approfondita dei dati Istati e Inps, elaborati dalla Cisl Romagna, dipinge un quadro preoccupante. Negli ultimi dieci anni, la popolazione over 80 della provincia di Forlì-Cesena è aumentata significativamente, passando da 28.868 persone nel 2014 a 33.163 nel 2023 con un incremento del 14,78%. Questo incremento demografico pone una crescente domanda di assistenza domiciliare. Tuttavia il rapporto tra popolazione anziana e badanti è cresciuto da 4,86 nel 2014 a 6,56 nel 2023, questo indica che, nonostante l'aumento della popolazione anziana, il numero di badanti disponibili non è sufficiente a soddisfare la domanda crescente di assistenza.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

In provincia il numero totale di lavoratori nel settore domestico ha mostrato fluttuazioni, partendo da 5.939 nel 2014 e raggiungendo un picco di 6.156 nel 2021, per poi scendere a 5.058 nel 2023 con una perdita del 14.83%. Nel 2021 molte famiglie hanno fatto una spontanea regolarizzazione dei rapporti di lavoro per consentire ai lavoratori domestici di recarsi  al lavoro durante il lockdown e all’entrata in vigore del decreto “Rilancio” che prevedeva una sanatoria e il riconoscimento di sei mesi di permesso di soggiorno a chi avesse un regolare contratto. I contratti di badanti sono stati costantemente superiori a quelli delle colf. Questa differenza è costante nel decennio, ma mentre i contratti come badante rimangono più o meno stabili passando da 3.767 del 2014 a 3.644 del 2023, calano notevolmente i contratti come colf da 2.172 del 2014 a 1.414 del 2023 con un calo del 34.87%.

Dall'analisi della Cisl Romagna emerge come il numero di giovani lavoratori nel settore domestico sia diminuito da 438 nel 2014 a 148 nel 2023. Ma è la fascia 30-44 anni quella che ha visto una riduzione significativa, passando da 1.1690 lavoratori nel 2014 a 764 nel 2023. Calo anche tra i 45 ed i 64 anni, da 3.614 nel 2014 a 3.393 nel 2023. Il numero di lavoratori anziani è aumentato da 197 nel 2014 a 753 nel 2023, segnalando una maggiore presenza di lavoratori di età più avanzata nel settore.

“L'invecchiamento della popolazione romagnola non è più solo un dato statistico, ma una vera e propria bomba ad orologeria pronta ad esplodere - dichiara il segretario generale Cisl Romagna Francesco Marinelli -. La domanda di assistenza domiciliare cresce, mentre il numero di colf e badanti si assottiglia drammaticamente, lasciando intravedere un futuro allarmante per i nostri anziani. Non possiamo tergiversare, non possiamo permettere che questa generazione venga abbandonata al proprio destino. È necessario un intervento immediato e incisivo per scongiurare una futura crisi. Bisogna valorizzare il lavoro di colf e badanti troppo spesso sottovalutate e mal retribuite. Queste figure professionali rappresentano una delle colonne portanti del benessere dei nostri anziani e garantire loro condizioni di lavoro dignitose e stipendi adeguati non è solo un atto di giustizia, ma un investimento per il futuro".

"Accanto a loro, dobbiamo sostenere le famiglie che, con impegno e senso di responsabilità, si prendono cura dei propri cari anziani senza gravare ulteriormente sul sistema sanitario nazionale già oberato e impossibilitato a reggere l'impatto di un'intera generazione di anziani. Sgravi fiscali, contributi economici e servizi di supporto, sono misure urgenti per alleviare il carico di chi quotidianamente affronta le sfide dell'assistenza domiciliare - prosegue Marinelli -. Valorizzare il lavoro e sostenere le famiglie non è solo un dovere morale, ma una necessità impellente. Significa garantire agli anziani una vita dignitosa e autonoma. Non possiamo rimanere inerti di fronte a questa sfida - conclude Marinelli -, è quindi fondamentale che istituzioni, forze sociali e sindacali, si prendano un impegno comune per costruire un futuro migliore, dove la cura, il lavoro e la solidarietà si intrecciano per dare vita ad una comunità coesa e solidale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La popolazione invecchia, ma ci sono sempre meno badanti. La Cisl: "Urge un piano d'azione"
ForlìToday è in caricamento