Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

La Regione stanzia un milione di euro per restituire ai giovani i luoghi di aggregazione colpiti dall'alluvione

L’assessore Taruffi: “Strutture importanti per la quotidianità dei ragazzi, che si sono resi immediatamente disponibili ad aiutare e hanno dimostrato forte volontà di reagire”

Restituire ai giovani gli spazi di aggregazione nelle zone colpite dall’alluvione. È l’obiettivo del bando della Regione Emilia-Romagna, che stanzia 960mila euro sul biennio 2023 e 2024 destinati a ripristinare e rendere di nuovo fruibili gli spazi di aggregazione giovanile, anche in sostituzione di quelli danneggiati, e potenziarne la dotazione.

Il bando è rivolto alle Unioni di Comuni e ai Comuni capoluogo di provincia delle zone colpite dall’alluvione dell’1 e 16 maggio 2023. Un provvedimento che si inserisce tra le azioni promosse dalla Giunta guidata dal presidente Stefano Bonaccini per dare una risposta concreta ai territori e alle comunità che hanno subito ingenti danni anche alle strutture pubbliche e agli spazi aggregativi.  

“Vogliamo investire nelle strutture per l’aggregazione giovanile- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche giovanili, Igor Taruffi- perché i giovani hanno bisogno di spazi e i danni dell’alluvione non possono isolarli di nuovo, dopo l’isolamento già vissuto durante la pandemia. Anche in questa drammatica vicenda i ragazzi e le ragazze sono stati tra i principali protagonisti degli aiuti, mettendosi a disposizione sin dai primi giorni e dimostrando una forte volontà di reagire e risollevarsi”.

Il provvedimento voluto dalla Giunta, infatti, mette a disposizione contributi per la qualificazione e la ristrutturazione degli Informagiovani e per l'acquisizione di dotazioni strumentali e tecnologiche destinate ai servizi. E ancora, risorse per la qualificazione delle attività degli spazi di aggregazione giovanile, interventi edilizi, acquisto di immobili, attrezzature e arredi destinati a queste strutture, dando priorità ai progetti di riattivazione degli immobili danneggiati e agli interventi mirati alla rapida ripresa delle attività rivolte ai giovani del territorio.

Fino a 150mila euro per ogni progetto

Il contributo regionale potrà raggiungere la copertura totale dei costi ammissibili, entro un ammontare massimo di 150mila euro per ciascun progetto.

Potranno essere finanziati i luoghi e le strutture di aggregazione giovanile (ambienti di coworking e polifunzionali, fab-lab, sale prove, Informagiovani e web radio giovanili) di nuova realizzazione e le loro aree esterne; quelli già esistenti che necessitano di ristrutturazione e riqualificazione sul piano della funzionalità logistica ed organizzativa, mediante acquisto di arredi interni ed esterni e/o allestimenti/potenziamenti tecnologici e strumentali (acquisizione di computer, notebook, stampanti, microfoni, mixer, potenziamento impianti, ecc.).

Saranno considerati prioritari i progetti di riattivazione delle strutture danneggiate e gli interventi mirati alla rapida ripresa delle attività rivolte ai giovani del territorio per sopperire alla chiusura delle strutture danneggiate.

Come presentare la domanda

Le domande di contributo dovranno essere presentate via web sulla piattaforma informatica elixForms, raggiungibile da Giovazoom www.giovazoo.emr.it, a partire dalle ore 13 di lunedì 21 agosto fino alle ore 13 di giovedì 28 settembre 2023.

Comuni e Unione dei Comuni potranno presentare la domanda soltanto per un progetto, indicando la percentuale di realizzazione prevista nelle annualità 2023 e 2024.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione stanzia un milione di euro per restituire ai giovani i luoghi di aggregazione colpiti dall'alluvione
ForlìToday è in caricamento