Cronaca

La scuola dell'infanzia e la didattica all'aperto: "Stimola i bambini e piace ai genitori"

“L’apprendimento avviene attraverso l’azione, l’esplorazione, il contatto con gli oggetti, la natura, l’arte, il territorio, in una dimensione ludica, da intendersi come forma tipica di relazione e di conoscenza"

L’importanza della didattica all’aperto: fortifica la salute e stimola la riflessione e la fantasia. In questi giorni difficili e complicati, di zona rossa e di pandemia, con le scuole chiuse, l’equipe educativa della Scuola dell’Infanzia paritaria delle Suore Francescane di Forlì vuole ricordare la vocazione dello stesso istituto per “la scuola vissuta all’aperto”.

Lo spiegano le stesse maestre: “L’apprendimento avviene attraverso l’azione, l’esplorazione, il contatto con gli oggetti, la natura, l’arte, il territorio, in una dimensione ludica, da intendersi come forma tipica di relazione e di conoscenza. Per favorire tutto ciò assecondiamo la voglia del bambino di esplorare e scoprire la realtà progettando attività che lo vedano protagonista nell’ambiente esterno che lo circonda”. Il desiderio di educare all’aria aperta si è rafforzato nell’equipe educativa anche a seguito dell’incontro formativo di qualche anno fa, con il professore Roberto Farné, ordinario presso il Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita all’ Università di Bologna: già in quell’occasione il professore aveva orientato insegnanti e genitori verso una valorizzazione dello star fuori e del concepire l’ambiente esterno come luogo privilegiato per le esperienze, per la formazione, per l’educazione della persona e del suo apprendimento. Alcune insegnanti della scuola hanno partecipato ai corsi di aggiornamento specifici dedicati all’ outdoor education e incentrati sugli aspetti psico-pedagogici, didattici ed ecologici delle attività all’aria aperta, stimolando l’equipe a dare sempre più rilievo allo spazio esterno della scuola e a riprogettare giochi ed esperienze a contatto diretto con l’ambiente. La scuola dell’infanzia paritaria “Suore Francescane” - per cui le iscrizioni sono ancora aperte - nata e gestita dalle suore Francescane dell’Immacolata dal 1885, realizza la sua proposta educativa in un contesto architettonico affascinate e senza tempo: un convento ex giardino di infanzia froebeliano.

 “L’impatto con la varietà della natura suscita meraviglia e curiosità. La meraviglia è un sentimento di stupore tipica degli artisti e degli scienziati - continuano le maestre - Lo stupore genera quella che Einstein chiama la sacra curiosità: questa è responsabilità di noi adulti. La scuola all’aperto permette infatti di osservare con curiosità il mondo, di sviluppare sentimenti di responsabilità nei confronti della realtà, di porre le basi del pensiero scientifico con le esperienze a contatto con le piante, gli alberi e i fiori, di imparare ad amare e rispettare l’ambiente naturale. Inoltre l’uso dell’orto - concludono le maestre - riconnette i bambini con le origini del cibo, della vita e del ritmo delle stagioni”. L’equipe educativa sottolinea anche i benefici legati alla salute, infusi dallo stare all’aria aperta. Accolta dai genitori con entusiasmo, la didattica all’aperto attivata a scuola ha generato commenti positivi da parte delle famiglie. Non a caso più di una mamma racconta che i bambini giocando all’aria aperta si sono ammalati di meno e in alcuni casi non hanno preso neppure un raffreddore, contrariamente a quando le attività si svolgevano principalmente in ambienti chiusi.

Una mamma scrive: “In questo delicato momento della vita di tutti questo modo di vivere la scuola a mio parere permette ai bambini e alle famiglie di non farsi schiacciare dalle difficoltà del presente, perché stando all’aperto i sensi si affinano e le menti si aprono, il corpo si fortifica. In fondo la natura ci insegna che le giraffe vivono libere nella savana e hanno il collo lungo perché per sopravvivere, si sono dovute adattare alle difficoltà, ora guardano il mondo dall’alto e credo che sia uno spettacolo meraviglioso.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scuola dell'infanzia e la didattica all'aperto: "Stimola i bambini e piace ai genitori"

ForlìToday è in caricamento