menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La speranza di pace e libertà si canta in 1000: evento speciale al PalaRomiti

Giunge al culmine il progetto di crowdfunding proposto dal Team “Speranza in 1000”, che riunisce 10 scuole di Forlì. Il 3 dicembre prossimo al Palaromiti, con tutti e 1000 gli alunni coinvolti sarà realizzato un video su una canzone inedita

 “Ma lo sapete quanti sarete, voi, 1000 bambini in un unico posto?”. Arriva al culmine il progetto di crowfunding “La Speranza si Canta in 1.000”, capace di riunire, dai primi di ottobre e fino a Capodanno, dieci scuole elementari di Forlì con classi dalla 3^ alla 5^. Il 3 dicembre prossimo, al Palaromiti, con tutti e 1.000 gli alunni coinvolti sin da ottobre, sarà realizzato un video su una canzone inedita che parla di speranza e diversità. “Il filmato - scrivono gli organizzatori - sarà l'espressione di ogni ora trascorsa insieme: ogni relazione, ogni volto, ogni silenzio e ogni parola, gioia e lacrime che possono scaturire quando ci si guarda dentro e si fa spazio ad un “altro”. Nelle otto settimane di lavoro, ogni classe fa esperienza di relazione ed integrazione attraverso l'ascolto, le attività laboratoriali, la lettura e riflessione del testo. “Impariamo a stare insieme anche attraverso il canto corale.”

Artefici del progetto sono i giovani artisti della Compagnia “Quelli della Via” capitanati da Paolo Baccarini. Il gruppo ha acquisito una certa notorietà in città e non solo, nell’ottobre 2018, con la “piece” “Il Fiore del Deserto” rappresentata durante le celebrazioni per i 15 anni della scomparsa della missionaria forlivese Annalena Tonelli. “Tutto nasce nel luglio scorso – racconta Baccarini - dall'incontro con un bimbo africano che, a fine prove del progetto teatrale dove era inserito, mi confida che ha paura del mondo. In casa sente dire che il mondo è razzista e mi chiede cosa vuol dire. Rimango allibito e mi dico che certe domande non devono abitare nel cuore di un bimbo di 8 anni”. Nasce l'idea di un percorso che coinvolga tanti piccoli. Filo conduttore è un brano scritto da Paolo e da un amico africano, dove si prova a fare un viaggio insieme, grandi e piccini, chiedendosi cosa sia la diversità.

Al termine della tournée dello spettacolo su Annalena, con ben 10 repliche in giro per l'Italia, la Compagnia “Quelli della Via” decide di rivolgere lo sguardo alla propria città, con un progetto in grado di dare voce ai sogni e alle speranze di pace dei piccoli. “Dopo un percorso in classe per parlare di ciò che ci accomuna e ci distingue – continua Paolo, che è anche capofila del Team “Speranza in 1000” - il 3 dicembre ci sarà l'evento finale con la realizzazione del video. E’ un viaggio che vogliamo fare piccoli e grandi insieme. Il filmato permetterà a questi 1000 messaggeri di pace di arrivare ovunque”. Giungiamo così all’appello finale, teso a lanciare la campagna di raccolta fondi. Per fare il video, gli organizzatori chiedono il sostegno di tutti, attraverso una donazione da effettuarsi tramite la piattaforma di Crowdfunding “Idea Ginger” nella modalità “o Tutto o Niente”.

Tutti i contributi, anche i più piccoli, sono ben accetti. Se non si raggiunge la soglia prefissata, le donazioni verranno restituite e il video non si potrà fare. Ecco una bellissima idea per un regalo di Natale veramente diverso: “Tante piccole gocce davvero creano il mare: sostieni i sogni dei bambini della tua città! Vieni a scoprire sul sito della campagna quali regali abbiamo pensato per chi ci darà una mano”. E ancora: “Una voce che bisbiglia non si sente... ma 1000 voci che bisbigliano all'unisono sono qualcosa di potente! E se, invece che bisbigliare, cantassero forte e gioiose?”. Ulteriori info su “La speranza si canta in 1000” al link: https://www.ideaginger.it/progetti/speranza-in-1000.html.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento