Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

La vacanza alternativa di Nakia, " Basilicata Coast to Coast" a impatto zero

Nakia Gardini 39 anni, forlivese, studente lavoratore, ha deciso di lanciarsi nell'avventura "Basilicata Coast to Coast" (dallo Ionio al Tirreno)

Un'avventura in solitaria dove a fare compagnia solo calanchi, animali selvatici e piccoli borghi disabitati. Nakia Gardini 39 anni, forlivese, studente lavoratore, ha deciso di lanciarsi nell'avventura "Basilicata Coast to Coast" (dallo Ionio al Tirreno) per viversi una vacanza fino in fondo da solo e in modo totalizzante. Un percorso a piedi di 220 chilometri ispirato proprio al simpatico film musicale "Basilicata coast to coast" girato in quei bellissimi luoghi da Rocco Papaleo.  "Ho preso giù le tappe dal film - spiega Nakia Gardini, tornato a Forlì da pochi giorni - e infatti sono passato anche da Lauria, il paese originario di Rocco Papaleo. Ho fatto solo una deviazione per vedere Lagonegro, una località molto bella e suggestiva".

Una vacanza a impatto zero
Sì assolutamente, si cammina in solitaria in mezzo ai sentieri, spesso con animali che passano a fianco, si mangia dove si trova e, se capita, si dorme anche sotto le stelle. E' un'esperienza che consiglio a tutti. Anche se è abbastanza dura, perché in estate è veramente caldo e da un paese all'altro non c'è veramente nulla, lascia una bella sensazione sia fisica che mentale e, soprattutto, la voglia di rifarne una simile subito.

Solitudine assoluta?
Certo. Per evitare di avere problemi durante i percorsi tra sentieri e calanchi ho portato con me anche un pannello solare per ricaricare il cellulare. C'è stata una tappa, tra Craco e Aliano, di 42 chilometri in cui ho incontrato solo tre auto, di cui una era parcheggiata senza nessuno all'interno. Questo per rendere l'idea di come può essere fare un viaggio del genere. Alla fine del viaggio ho incontrato, nel senso di direzione opposto, una coppia che stava iniziando il tragitto.

Ma la sera arrivavi nei paesi?
Sì, ma erano paesotti, non città attrezzate. Macinavo circa 30/40 chilometri al giorno con uno zaino particolarmente pesante e quando arrivavo dormivo in bed & breakfast, agriturismi ma anche sotto le stelle. Per mangiare mi mettevo a sedere solo la sera. Durante la giornata, visto che camminavo per ore e ore, mangiavo un panino, un po' di frutta, quello che mi portavo dietro giorno per giorno.

Ha incontrato animali pericolosi?
Ho incontrato dei piccoli cinghiali per strada ma non ho avuto paura. Il momento in cui sono stato più teso è quando ho incontrato un lupo vicino a Tursi. Ci siamo guardati e poi lui, per fortuna, se n'è andato. Lì ho un po' temuto

Il prossimo anno lo rifarai?
Mi piacerebbe rifare anche "Basilicata coast to coast" però cambiando il percorso e passando attraverso Matera. Oppure buttarmi sul passo dei Briganti che dall'Umbria arriva in Lazio, e si fa tutto in altura. Penso sia un po' più fresco il clima, quindi forse si regge meglio in agosto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vacanza alternativa di Nakia, " Basilicata Coast to Coast" a impatto zero

ForlìToday è in caricamento