rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

La valle del Bidente punta al turismo slow

"Frutto del risultato tra Percorsi di Entusiasmo, l'Associazione Via Romea Germanica e le aziende dell'entroterra, l'iniziativa è una nuova escursione sulla via dei pellegrini che unisce sport, ambiente, cultura ed enogastronomia"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

La Valle del Bidente ancora protagonista di un'iniziativa di successo. Domenica 4 maggio, in occasione della 6° Giornata dei Cammini Francigeni e l'Ondadicammini, le aziende del territorio bidentino si organizzano intorno ad una proposta di Turismo Slow che raggiunge il tutto esaurito nelle prenotazioni.

Frutto del risultato tra Percorsi di Entusiasmo, l'Associazione Via Romea Germanica e le aziende dell'entroterra, l'iniziativa è una nuova escursione sulla via dei pellegrini che unisce sport, ambiente, cultura ed enogastronomia. Protagonisti della giornata gli asini, che accompagneranno nel percorso che attraverserà Civitella di Romagna e Galeata fino a raggiungere il centro storico di Santa Sofia.

La progettualità di un territorio - sostiene Alessia Righi, esperta di marketing territoriale - deve partire dall'analisi della proprie risorse, costruire proposte turistiche complete a appetibili e lavorare in rete per trovare il pubblico più adeguato. Le persone sono sempre meno interessate ad acquistare prodotti e servizi ma ricercano proposte di turismo slow, esperienze coinvolgenti, significative e personalizzate.

"Siamo soddisfatti del lavoro svolto - sottolinea il Presidente dell'Associazione Via Romea Germanica Rodolfo Valentini - perché il turismo rappresenta oggi un settore strategico, e le via della fede, possono essere un'occasione per costruire iniziative ecosostenibili, in grado di promuovere il Territorio, le aziende e le comunità che lo abitano."

"Gli asini - evidenzia Marta Signi, referente dell'Associazione Gli Amici dell'Asino - possono essere lo strumento, il punto di osservazione privilegiato per l'incontro con la natura, e un'occasione di condivisione e autenticità importante per grandi e bambini."

"Siamo lieti di partecipare al progetto, rimarcano Giampaolo Gubbiotti di Woody Arabian, Montini Gianmichele e Manuela Franceschini dell'agriturismo La Barroccia, partner dell'iniziativa - perché la collaborazione tra gli operatori è la strada giusta per promuovere l'intero territorio, facendone conoscere le peculiarità."

"Queste iniziative - concludono Carlo Rondoni e Roberto Baggioni, referenti per l'associazione Barcobaleno e i gruppi Funghi e Flora e Forlimpopoli Cammina - sono molto importanti, perchè consentono di lavorare per la diffusione di un nuovo stile di vita, più salutare, che si basa sul movimento, la condivisione tra le persone e l'alimentazione biologica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La valle del Bidente punta al turismo slow

ForlìToday è in caricamento