La Via Romea Germanica diventa "Rotta Culturale Europea"

La Via Romea Germanica si aggiunge quindi all'elenco delle Vie certificate consentendo l’accesso anche a bandi comunitari di rilievo

La Via Romea Germanica è ora una “Rotta Culturale Europea” come il cammino di Santiago e la via Francigena, in precedenza unico cammino riconosciuto in Italia. Il Consiglio d'Europa ha infatti concesso il massimo riconoscimento al cammino di storia, cultura e turismo che dal nord della Germania attraversa l'intero continente e l'Italia dal Brennero per giungere a Roma. La Via Romea Germanica si aggiunge quindi all'elenco delle Vie certificate consentendo l’accesso anche a bandi comunitari di rilievo.

Oggi la Via Romea Germanica è un cammino europeo di 2200 chilometri che parte da Stade (a nord di Amburgo) per giungere a Roma. In Italia conta più di 1100 chilometri di percorso, dal Brennero alla Capitale, attraversando scenari magnifici, borghi storici e paesaggi dalla montagna alla pianura. Sulla Via Romea Germanica si innesta anche il Cammino del Sale che da Cervia raggiunge l’antica via dei pellegrini attraversando le saline e giungendo alle colline forlivesi per poi proseguire sul tracciato della Via Romea Germanica fino a Roma per le consegna del sale al papa come ogni anno avviene già dal 2003. Cammino perfettamente segnalato, percorribile in tutta la sua interezza (2200 chilometri) o a tappe, la via Romea Germanica offre paesaggi spettacolari (dalle pianure tedesche alle Alpi, dalle città d'arte all'Appennino), e una ricca esperienza emozionale. Una via densa di storia, cultura, testimonianze artistiche e architettoniche. Un vero must per chi si rivolge al turismo “slow”, in sicurezza, all'aria aperta, nel benessere del camminare.

Per secoli la Via Romea Germanica è stata definita “la melior via” per le genti del Nord: vi facevano riferimento pellegrini e viaggiatori provenienti dall'area baltica, dalla Scandinavia e dal Nord della Germania. L'Associazione Europea della Via Romea Germanica con i suoi volontari e lo staff da anni collabora con i Comuni, le Regioni e gli enti pubblici delle zone attraversate per promuovere lo sviluppo di un turismo lento, sostenibile e rispettoso. Sono più di 80 le amministrazioni comunali, che hanno scelto di farne parte. Molte le Regioni, i Consorzi, le Aziende Turistiche ed i Parchi Naturali che hanno aderito. La Via Romea Germanica vive dunque di partecipazione e sviluppo locale ed europeo. I turisti ed i pellegrini viaggiano in sicurezza, grazie alla “credenziale” che viene rilasciata dall’Associazione e che attesta il loro status di “peregrinus ad limina Petri et Pauli”.

La credenziale dà accesso anche a sconti sui pernottamenti e i pasti nelle strutture convenzionate. "Una sfida e una grande opportunità - commenta il presidente europeo dell’Associazione Via Romea Germanica, Flavio Foietta - che porterà il nostro cammino a crescere, e ad implementare la nostra attività al fianco dei territori, per uno sviluppo culturale, turistico ed economico. Ringraziamo i moltissimi enti pubblici che sono nostri associati: da anni municipalità, Regioni, Province, Aziende per il Turismo, Parchi naturali e consorzi ci sostengono e sostengono la crescita di questo progetto. Dal mare del Nord a Roma, intendiamo ora rinsaldare questa collaborazione, portando nuova linfa al progetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento