menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La vita ai tempi del Coronavirus - "In smart working e con i figli a casa da seguire per le lezioni: non è scuola questa"

"Ma lavorare, anche in smart working, gestendo figli fra materna, elementari e medie, lezioni su lezioni, compiti da inviare, magari da controllare, i fratelli piccoli da intrattenere. Ma pensate che sia fattibile ancora per molto?"

Per mandare il tuo pensiero o testimonianza: redazione@romagnaoggi.it (indicare la città)

Scrivo queste poche righe per far capire le difficoltà che le famiglie con bambini vivono.
Lavorare sicuramente è una fortuna in un periodo così perché molte persone si trovano in difficoltà economiche e senza un lavoro... Ma lavorare, anche in smart working, gestendo figli fra materna, elementari e medie, lezioni su lezioni, compiti da inviare, magari da controllare, cose che non si capiscono e da rispiegare, i fratelli piccoli da intrattenere. Ma pensate che sia fattibile ancora per molto? Prima di tutto non è scuola questa, è un rattoppo del momento. E poi mettete in grossa difficoltà chi è a casa che si arrabatta come può per far sì che nessuno resti indietro. Non ne hanno colpa gli insegnanti che si dedicano con tanto amore al loro lavoro, ce l'ho con chi è sopra, che non fa niente per risolvere la situazione. So di bambini "persi" on line, quindi abbandonati alla non istruzione, e chi come noi che finirà in manicomio per stare dietro a tutto. E poi parliamo di loro, il centro del futuro. Catapultati in una cosa più grande di loro, ci si mettono, si impegnano. Ma la socializzazione dov'è? Il dialogo, la risata con l'amico, i bisticci, le marachelle, le corse a casa per non fare tardi. Tutte esperienze che stanno mancando e mancheranno per sempre. Non si può pensare che un adolescente nel periodo più pesante della sua crescita stia sempre e solo con i familiari con cui tra l'altro litiga e discute di continuo. È troppo pesante per tutti, per noi genitori che non sappiamo più come gestirli e per l'adolescente che ha bisogno dei suoi spazi, di fare i suoi sbagli, di amicizia. Spero vivamente che a settembre le cose ripartano per bene, magari all'aria aperta, con mascherine, gel per le mani, distanze ma a scuola perché è la base del nostro futuro.. 

Una mamma stanca

Per mandare il tuo pensiero o testimonianza: redazione@romagnaoggi.it (indicare la città)

Tutte le storie della "Vita ai tempi del Coronavirus"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento