rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Centro Storico / Via dei Filergiti, 20

Lamentele dei residenti, il 'Pane e le Rose' chiude di nuovo: "Maggiore tolleranza di tutti"

Chiude la sede del Pane e le Rose in via dei Filergiti, 20, inaugurata a fine febbraio, dopo che l'associazione culturale si era dovuta spostare da Corso Diaz per problemi con i residenti. Mercoledì i coordinatori hanno incontrato l'assessore comunale Maria Maltoni

L'8 aprile chiuderà la sede del Pane e le Rose in via dei Filergiti, 20, inaugurata a fine febbraio, dopo che l'associazione culturale si era dovuta spostare da Corso Diaz per problemi con i residenti. Mercoledì i coordinatori hanno incontrato l'assessore comunale Maria Maltoni per cercare una nuova sede temporanea, sempre nell'ambito del progetto “Spazi agli Spazi”, che aveva messo a disposizione per tre mesi i locali di via De Filergiti.

IL FATTO - “A seguito di lamentele di uno dei vicini dello stabile che ha denunciato un fantomatico problema di disturbo della quiete pubblica, ci è stato chiesto di abbandonare in anticipo i locali e quindi interrompere l'attività associativa. Nonostante le nostre richieste di incontro per individuare eventuali problematiche, l'invito non è stato accettato per cui saremo costretti a lasciare i locali”, si legge nella nota dell'associazione. “Siamo convinti che esista un reale problema culturale e politico in una città dove la presenza di giovani, adulti, residenti e fuori sede, che si confrontano e che discutono sia vista come un disturbo alla quiete pubblica. Chi è passato in queste settimana al Pane e le Rose ha partecipato infatti ad iniziative culturali, dibattiti, presentazioni, momenti di aggregazione che difficilmente (dato l'orario e la natura degli eventi) possono aver causato un reale problema di disturbo. Continueremo a difendere l'idea di un progetto che ha l'obiettivo di cambiare un modello culturale chiuso e statico, nella consapevolezza che una parte di questa città, di cui ci sentiamo a pieno diritto cittadini, sente la necessità di poterla vivere in modo diverso.  Ringraziamo questa parte di città e tutte le persone che in queste settimane sono passate da Via dei Filergiti, partecipando e contribuendo al dibattito ed alla costruzione di un progetto che non sarà certo bloccato da una porta chiusa”.

GLI UNIVERSITARI - A dare man forte al pane e le rose l'Unione degli Universitari, che commenta: “Davanti all'ennesimo intollerante gesto di chi vede l'aggregazione, i giovani e gli studenti come un peso, l'Unione degli Universitari di Forlì non può che esprimere la sua più completa solidarietà nei confronti delle ragazze e dei ragazzi del Pane e le Rose che da diverso tempo ormai animavano via dei Filergiti con dibattiti e iniziative; una via percorribile, a nostro avviso, contro la monotonia forlivese, che molti studenti e adulti denunciano da tempo, ma che continua a regnare sovrana proprio a causa di una percentuale di cittadinanza, sempre pronta a denunciare chi viola il religioso silenzio del suo centro storico”.

L'ASSESSORE MALTONI – A smorzare la polemica arriva l'assessore che invita ad “una maggiore tolleranza, da parte di tutti”. Maltoni spiega che la proprietà avrebbe ricevuto lamentele dai vicini, chiedendo per questo al Pane e le rose di andarsene. “Se si vuole che la città si animi è necessario trovare uno spazio adeguato perchè gli studenti universitari possano esprimersi. E' già stata comunicata la disponibilità di un nuovo spazio per concludere le iniziative in programma fino alla fine di aprile. Poi ragioneremo insieme su un luogo adeguato, che possa diventare una sede definitiva”.

IL RINGRAZIAMENTO - Dal Pane e le Rose un ringraziamento a "Forlì nel cuore e l'amministrazione di Forlì che hanno tempestivamente trovato una soluzione attraverso Spaio agli Spazi. Continueremo (seppur temporaneamente) la nostra attività associativa presso il 169D di Galleria Vittoria (C.so della Repubblica)".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lamentele dei residenti, il 'Pane e le Rose' chiude di nuovo: "Maggiore tolleranza di tutti"

ForlìToday è in caricamento