menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lana e stoffa in sfumature rosa: Forlì per Faenza Total Pink

Lana, filo, ago, ferri e stoffa in tutte le sfumature del rosa. L'evento Total Pink- Urban Knitting a Faenza colorerà la città di rosa a partire da Forlì. Con il patrocinio dei Comuni di Faenza e di Forlì, l’11 maggio si parlerà della “Donna”

Lana, filo, ago, ferri e stoffa in tutte le sfumature del rosa. L'evento Total Pink- Urban Knitting a Faenza colorerà la città di rosa a partire da Forlì. Con il patrocinio dei Comuni di Faenza e di Forlì, l’11 maggio si parlerà della “Donna” in un incontro pubblico e domenica 12 –Festa delle mamma- ricopriremo gli elementi urbani selezionai nel centro storico di Faenza. Tutto nasce da un'idea di Mariapia Gambino e Andrea Kotliarsky (Associazione Culturale E.spazio23 di Via Monsignor Battaglia 23 Faenza) e dalla collaborazione attiva del gruppo Knitting Relay, Lauraluna Ceccolini, Luciana Martina, Silvia Balzani, Heide Wilm: rosa è il colore scelto, una scelta provocatoria, che vuole ironicamente giocare sui modelli stereotipati affermatesi nel tempo sul mondo femminile.

Ma il lavoro è partito già molti mesi fa. Dai singoli cittadini, alle associazioni, ai gruppi che si occupano di knitting – una nuova forma di arte legata al lavoro a maglia- dalle scuole, alle attività commerciali, alle cooperative sono innumerevoli le persone in tutto il mondo che partecipano alla realizzazione di tante pezze di colore rosa e di cuori rossi.

Con loro anche le donne detenute presso il Carcere della Rocca, grazie alla disponibilità della Direzione dell’Istituto e con la collaborazione della volontarie delle associani "Con…tatto" e "Gruppo Preghiera Montepaolo", stanno realizzando pezze e cuori rosa per colorare il colonnato di Piazza del Popolo. Forlì lavora anche fuori le mura del carcere nei venerdì pomeriggio di Knitting organizzati dalla Cooperativa Sociale Gulliver presso la biblioteca decentrata del Comune di Forlì “A. Alberti”.

Informazioni più dettagliate su Knitting Relay: www.knittingrelay.blogspot.com, su Total Pink: https://totalpinkknittingrelay.blogspot.it per info con_tatto.forli@libero.it margherita.zaccarelli@coopgulliver.it

COS'E' L'URBAN KNITTING - Guerrilla knitting, yarn bombing, urban knitting, questi i nomi più comuni per identificare quella che oggi viene definita una nuova forma d’arte, espressione di un linguaggio contemporaneo. Un’attività antica, una volta relegata tra le mura domestiche che profumavano di legna e brodo di gallina, stiamo parlando della: “maglia”. L’antico lavoro delle nonne, che davanti all’ardere della legna, con rapida gestualità adoperavano magistralmente ferri e uncinetti.

Oggi questo antico “sapere” si insinua nelle pieghe dell’asfalto delle nostre trafficate e rumorose città, dando vita a qualcosa di altro dal semplice e genuino gesto della nonna. L’Urban Knitting non è altro che una nuova forma di street art , dove a dare colore alle nostre grigie città sono i filati. Il gruppo KR "KNITTING RELAY" in italiano "la staffetta del lavoro a maglia" nasce nel 2011 con un progetto di knitting itinerante, che ha visto 30 donne coinvolte per la realizzazione di un "manufatto" che ha girato tutta l'Italia durante 8 mesi di viaggio. L’avventura è culminata nel marzo 2012 con la presentazione del manufatto presso il Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza (MIC).

L'esperienza di questo lavoro collettivo prosegue attraverso una serie di attività gestite dall'Associazione Culturale E.spazio23 e mirate a valorizzare l'importanza dell'arte tessile, come forma espressiva di un linguaggio nuovo, ma con radici antiche, capace di "fare rete". Dal 2011 ad oggi Associazione Culturale E.spazio23 ha gestito la staffetta itinerante KR 2011, i workshop sull'arte tessile realizzati con i bambini e gli adulti, gli eventi di Urban Knitting (Emilia Romagna, Sicilia e prossimamente Calabria), collaborazioni in progetti a sfondo sociale (Mettiamoci una pezza: una città ai ferri corti, L'Aquila 2012; Scaldainverno con il cuore: il nostro contributo per i terremotati di Emilia); ha ideato la Staffetta FingerKnitting e l’attività mensile di arte tessile presso il MIC, rivolte alle famiglie, esposizione del manufatto Knitting Relay (MIC Faenza, Castello Aragonese Taranto, Creativity Galleria d'Arte Torino, Museo del Tessuto Canicattini Bagni (SR), i Knit&Wine: incontri serali presso alcuni locali di Faenza, dove si lavora a maglia; ha realizzato la Bandiera Unesco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento