Lapide sul Muraglione, restauro completato: sarà dedicato all'avvocato Natale Graziani

Fu un'opera molto importante che dette notevole respiro socio economico alla Romagna Toscana, quella terra e quei comuni al di là del crinale appenninico detto l'Alpe ma sotto il dominio di Firenze da molti secoli

Sabato l'Accademia degli Incamminati ed i Comitati per il Risorgimento presentano la fine del restauro della lapide sul Muraglione, collocata nel 1936 per ricordare l'apertura del valico che univa la Romagna alla Toscana. Fu un'opera molto importante che dette notevole respiro socio economico alla Romagna Toscana, quella terra e quei comuni al di là del crinale appenninico detto l'Alpe ma sotto il dominio di Firenze da molti secoli.

Le pratiche per il restauro di questa lapide, che presentava tutti i segnali di deterioramento di quasi due secoli, sono iniziate nel settembre 2018 con la richiesta di autorizzazione all'Anas e Soprintendenza. In un mese l'Accademia aveva già raccolto quattromila euro da soci e cittadini della Romagna e della Toscana ed un contributo significativo è stato dato dal Granduca Sigismondo d'Asburgo Lorena discendente del Granduca Leopoldo II che fece mettere la lapide. Lo scorso settembre, con l'ottenimento dei permessi dalla Soprintendenza, si è potuto procedere al restauro eseguito dalla ditta Ciani di Tredozio, specializzata nei lavori in pietra sotto la supervisione dell'architetto Matteo Mancini e del geometra Davide Turchi di Castrocaro.

L'Accademia ha promosso questo restauro in ricordo dell'avvocato Natale Graziani, che tanta passione e tanto impegno ha profuso da presidente dell'Accademia per la valorizzazione della Romagna Toscana con convegni e con la realizzazione dei due volumi sulla "Romagna-Toscana-storia e civiltà di una terra di confine", "un'opera fondamentale per la conoscenza della storia ma anche degli usi e della cività di questa terra che come - diceva Spadolini - aveva le popolazioni migliori sia della Romagna che della Toscana e che ha dato i natali a  personaggi molto importanti". A lui sarà dedicata una targa ricordo del restauro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'occasione della presentazione del restauro della lapide sul Muraglione vuole rappresentare la prima festa della Romagna Toscana - spiega Giuseppe Mercatali -. Da tanti anni tutti parlano e si fanno riunioni su come valorizzare questo territorio , riunioni senza seguito operativo. E' nelle intenzioni dei promotori del restauro lanciare questa iniziativa come  un momento per ricordare e festeggiare la Romagna Toscana ogni anno in modo itinerante fra le varie cittadine che facevano parte della Romagna Toscana. Sarebbe bello e ogni anno nella città di turno che se ne fa promotrice - che sia un comitato o l'amministrazione comunale o una associazione - presentare un restauro - che sia un libro o un monumento - o una iniziativa o il ricordo di un personaggio illustre collegati a questo territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento