rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

"Impacchettata" tutta la facciata del Monte di Pietà: ecco i lavori in corso

In molti hanno notato in corso Garibaldi la realizzazione di un grande ponteggio lungo la facciata dello storico palazzo che accoglie la Fondazione Cassa dei Risparmi

Il Palazzo del Monte di Pietà torna sotto i ferri, ma solo per poche settimane. In molti hanno notato in corso Garibaldi la realizzazione di un grande ponteggio lungo la facciata dello storico palazzo che accoglie la Fondazione Cassa dei Risparmi e si sono domandati a che serva dato che il restauro del palazzo che abbellisce quel tratto di corso Garibaldi è recente. Nessuna necessità di restauro e nessun intervento sull'illuminazione artistica, spiegano dal Monte di Pietà. L'impalcatura è necessaria per raggiungere e lavorare in sicurezza sul tetto, dove è richiesto un intervento sulla linea vita. I lavori sono stati autorizzati dalla Soprintendenza. Dal 2007 il cinquecentesco Palazzo è la casa della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e il profondo restauro dell'edificio risale a quel periodo. Il cantiere rimarrà nella parte pedonale di corso Garibaldi per circa tre settimane, e quindi - si garantisce dalla Fondazione - sarà disallestito nel mese di novembre.

La storia del Palazzo

Il Palazzo del Monte di Pietà fu edificato, a partire dal 1514, su parte dello spazio occupato fino al 1488 dal Palazzo Orsi, il più fastoso della città, abitato dalla nobile famiglia che contendeva ai Riario-Sforza il predominio dell’Urbe. Il 15 aprile di quell’anno, una congiura ordita da Checco Orsi, alleato degli Ordelaffi e istigato da Lorenzo de Medici, signore milanese già padrone della vicina Faenza, aveva portato alla tragica morte del conte Gerolamo Riario, marito di Caterina Sforza, pugnalato e gettato dal balcone del Palazzo Pubblico.

LA STORIA DEL PALAZZO DEL MONTE DI PIETA', dal blog "Forlì, ieri e oggi" di Piero Ghetti

La vendetta della “Lady di ferro” fu durissima: dopo aver infierito sull’ottuagenario Andrea Orsi, Caterina fece letteralmente “tabula rasa” del loro “palagio”. Il Monte di Pietà fu la prima costruzione eretta sul “guasto”, il vuoto lasciato dalla scomparsa dimora. Nel 1931, sul fronte principale sono state aperte otto arcate per la necessità di sistemare i negozianti di piazza Saffi sfrattati dal cantiere di costruzione del nuovo Palazzo delle Poste, progettato dall’architetto di regime Cesare Bazzani. Dal 29 settembre 2007, al termine di lunghi ed accurati restauri, il cinquecentesco Palazzo del Monte di Pietà è la nuova sede della Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Impacchettata" tutta la facciata del Monte di Pietà: ecco i lavori in corso

ForlìToday è in caricamento