Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Bertinoro

Niente ponteggi, ma operai 'funamboli': dopo l'incendio un restauro acrobatico per la Ca De Bè

Un drone registrerà l'intervento dall'alto e verranno fotografi per documentare l'operazione

La ristrutturazione della Ca' de Be', andata a fuoco il 18 luglio scorso, sarà un vero e proprio evento, con la presenza di fotografi e un drone che riprenderà l'intervento dall'alto. A rimettere a posto una delle osterie più belle della Romagna, posizionata su una delle terrazze naturali più suggestive della zona, sarà l'impresa "Edilizi Alternativa" che utilizzerà il metodo della doppia fune, un metodo alternativo all'edilizia classica fatta di ponteggi e che si ispira direttamente alle tecniche dell'alpinismo, dell'arrampicata e della speleologia.

Praticamente invece di montare ponteggi e usare scale per sostituire la canna fumaria, diventata in questo caso inutilizzabile per via dell'incendio, alcuni professionisti specializzati nell'edilizia su fune, si ancoreranno al tetto per calarsi giù nel cuore della cucina di Ca' de Be', smontare la canna fumaria pezzo per pezzo, e poi riportare la nuova (in pezzi da 9 chili l'uno circa) e montarla sul posto. Un intervento che, a livello economico, costerà meno di quello classico con ponteggi ma soprattutto sarà molto più veloce.

"Penso serviranno una o due giornate al massimo - spiega Naike Di Maggio responsabile area Romagna di Edilizia Alternativa (con sede a Roma, Bologna, Cesena e Firenze) - Vista la posizione dell'osteria e l'importanza della struttura anche dal punto di vista storico e artistico sarà un intervento che vogliamo documentare anche fotograficamente. Abbiamo già un drone che registrerà l'intervento dall'alto e verranno fotografi per documentare l'operazione".

Edilizia alternativa è stata contattata direttamente dalla ditta Scozzoli s.r.l. che fornisce la nuova canna fumaria e il gestore di Ca' de Be' ha accolto di buon grado l'iniziativa alternativa all'edilizia classica anche per ridurre i tempi di ristrutturazione. I lavori dovrebbero iniziare tra martedì e mercoledì di questa settimana e termineranno nel giro di pochissimo, rendendo già utilizzabile la cucina e accelerando, quindi, la possibilità di riapertura di Ca' de Be'.

"Siamo specializzati anche per i lavori negli edifici tutelati dai Beni Culturali e che si devono effettuare nei centri storici, in cui è spesso difficile intervenire - conclude Naike Di Maggio - Ci sono luoghi, come il centro storico di Bertinoro, in cui è difficile erigere ponteggi. Ecco, per tutti questi luoghi l'edilizia alternativa con fune è il metodo più utile e pratico".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente ponteggi, ma operai 'funamboli': dopo l'incendio un restauro acrobatico per la Ca De Bè

ForlìToday è in caricamento