Un polmone verde, al via la valorizzazione del parco di Villa Saffi: "Vogliamo riconsegnare alla città un luogo magico"

Spiega Petetta: "All’interno del parco si procederà con azioni di potatura, pulizia dei terreni, eliminazione meccanica delle erbe infestanti, eliminazione del secco e dei rami fuori chioma, fornitura e messa a dimora di nuovi esemplari di quercia sempreverde e lavori di ringiovanimento del frutteto"

Sono partiti lunedì i lavori di manutenzione e valorizzazione del parco di Villa Saffi, una superficie di quasi 10mila metri quadrati che si espande armoniosa intorno alla residenza estiva del patriota e politico forlivese Aurelio Saffi. "Il parco, costituito da aree prative e vedute ampie verso gruppi isolati di alberi, contiene tutti gli elementi di un giardino all'inglese - illustra l'assessore al Verde pubblico, Giuseppe Petetta -. Al suo interno si ritrovano numerosi esemplari arborei in armonia con essenze arbustive, un piccolo frutteto e un’area ortiva".

Continua Petetta: "Per anni il parco ha versato in uno stato di abbandono manutentivo che ne ha determinato uno scadimento estetico ed una difficoltà evidente alla sua completa fruizione. Gli interventi manutentivi e di valorizzazione proposti da questa Amministrazione riguardano sia il parco di Villa Saffi che l’area verde Quercia di Saffi (in posizione esterna rispetto all'area dell'edificio residenziale). Dal punto di vista manutentivo, all’interno del parco si procederà con azioni di potatura, pulizia dei terreni, eliminazione meccanica delle erbe infestanti, eliminazione del secco e dei rami fuori chioma, fornitura e messa a dimora di nuovi esemplari di quercia sempreverde e lavori di ringiovanimento del frutteto".

"Gli interventi di valorizzazione prevedono invece la creazione di un percorso informativo che identifichi le peculiarità dell’area, attraverso il posizionamento di tabelle esplicative di alcune delle essenze più rappresentative presenti nel parco, ma anche di altri elementi significativi presenti, per esempio la seduta circolare, ghiacciaia ed altro - aggiunge -. Un altro pannello informativo verrà collocato all'ingresso della villa con descrizione della struttura e con indicazione del percorso botanico e dei vari punti di interesse presenti al suo interno".

"Per quanto riguarda la Quercia di Saffi, radicata ad oltre 150 metri dal complesso della Villa e squarciata dall’eccezionale evento temporalesco dell’agosto 2017, si procederà ad un intervento conservativo e di valorizzazione del vecchio tronco e al ripristino della staccionata in legno che proteggeva e delimitava la quercia - aggiunge l'assessore -. Il tutto sarà corredato da una targa informativa e dalla manutenzione delle panchine esistenti. I testi dei pannelli informativi saranno tradotti in lingua inglese e tramite il sistema Qrcode (stampato sui pannelli), anche i visitatori stranieri potranno essere informati sulla storia della villa e della quercia del nostro Patriota Aurelio Saffi".

"Tutti questi interventi - conclude Petetta - si inseriscono in un quadro di progettualità più ampio di recupero e valorizzazione di Villa Saffi. L’obiettivo di lungo termine è quello di riconsegnare alla città un luogo che ha fatto la storia del nostro Paese, grazie allo spessore politico dei suoi protagonisti e alla cura per i dettagli dell'intera Villa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

Torna su
ForlìToday è in caricamento